Nell’isola francese di Ré gli asini indossano i pantaloni

L’isola di Ré, un’isola francese bagnata dall’Oceano Atlantico, ha una tradizione particolare: far indossare i pantaloni agli asini.

Nell'isola francese di Ré gli asini indossano i pantaloni

(altro…)

Cancella e sostituisce sui muri le tag dei writers con testi leggibili

Mathieu Tremblin è un giovane artista di Arles, nella bellissima Provenza in Francia, dove dopo essersi laureato all’accademia delle belle arti ha iniziato un percorso personale orientato agli interventi urbani e alla cultura dei graffiti. Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili17

Ispirato dalle forme più spontanee, anonime e autonome dell’arte di strada Mathieu ha iniziato a ripulire le pareti della sua città sostituendo gli scarabocchi creati dai writers, con tag dello stesso colore e dimensione, ma utilizzando font precisi e soprattutto leggibili.

Il risultato oltre che essere molto bello esteticamente aiuta anche le mura degradate della città a riacquistare un certo fascino.

Le sue opere, molto apprezzate sono presenti anche in alcune strade dell’Olanda e del Belgio.
Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili2

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili3

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili4

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili5

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili6

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili7

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili8

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili9

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili10

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili11

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili12

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili13

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili14

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili15

Riscrive sui muri le tag dei writers con testi leggibili16

Punta una macchina-scoreggia verso la Francia (1)

Inventore pazzo crea macchina-scoreggia da puntare verso la Francia

Abbiamo già parlato di Colin Furze, un idraulico di Stamford (Regno Unito); Colin è un inventore pazzo che, dopo aver creato lo scooter più lungo del mondo e le scarpe con cui poter camminare sul soffitto, stavolta ha costruito una macchina gigante che scoreggia, creata appositamente per fare una pernacchia alla Francia.

Punta una macchina-scoreggia verso la Francia (1)

Colin vuole posizionare la macchina – che è stata racchiusa tra due natiche costruite appositamente per l’occasione – su alcuni scogli di Dover, di Fronte al canale della Manica, sperando che i francesi a 34 km di distanza possano sentire la pernacchia.

Punta una macchina-scoreggia verso la Francia (2)

“Le persone mi dicono sempre ‘Odierei vivere accanto a casa tua, fai troppo rumore’ e hanno anche ragione”, ha detto Colin, “in effetti faccio un po’ di rumore e faccio cose strambe e stupide ogni tanto. Ma non pensiamo ai miei vicini, pensiamo invece ai vicini del paese, i francesi. Vediamo se riusciamo a fare talmente tanto rumore da farci sentire. La cosa più rumorosa che abbia mai costruito è stata un pulsoreattore. Farò il pulsoreattore più grande che abbia mai costruito e lo metterò sulle Bianche scogliere di Dover, puntato verso la Francia, per vedere se lo sentono”.

La macchina verrà azionata proprio oggi 24 luglio e “sparerà” la pernacchia tra le 19 e le 20 (ora italiana). Chissà se la sentiranno davvero!

Studenti in gonna protestano contro il sessismo

Francia, studenti maschi mettono la gonna per protestare contro il sessismo

In alcune scuole francesi le autorità hanno invitato gli studenti maschi a indossare gonne al posto dei pantaloni in classe per protestare contro il sessismo.

Studenti in gonna protestano contro il sessismo

La città di Nantes ha lanciato una campagna chiamata Ce que soulève la jupe (ovvero “solleva la gonna”); nelle 27 scuole della città francese oggi gli studenti ma anche gli insegnanti maschi hanno avuto l’opportunità di sostituire i soliti pantaloni con delle gonne. L’idea è nata dagli alunni stessi ed è stata sanzionata dalle autorità scolastiche della città e successivamente dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Gli alunni che non vogliono indossare la gonna potranno comunque prendere parte all’iniziativa indossando un adesivo con scritto “Io combatto contro il sessismo, e tu?”.

(altro…)

7€ per un caffè ai clienti maleducati in un bar di Nizza (1)

7€ per un caffè ai clienti maleducati in un bar di Nizza

Un bar francese ha pensato di far pagare il caffè ai clienti in base a come viene richiesto, facendo pagare di più a chi lo fa in modo scortese.

7€ per un caffè ai clienti maleducati in un bar di Nizza (1)

7€ per un caffè ai clienti maleducati in un bar di Nizza (2) Il Petite Syrah Café, situato a Nizza, ha quindi tre prezzi per il caffè: 7€ a chi entra e chiede “Un caffè”, 4,25€ a chi chiede “Un caffè, grazie” e il prezzo base, ovvero 1,40€, a chi è più cortese dicendo “Buongiorno, un caffè, grazie”.

“È iniziato come uno scherzo perché durante la pausa pranzo le persone sono molto stressate e sono scortesi con noi quando ordinano un caffè”, ha detto il direttore Fabrice Pepino. Da quando hanno esposto lo strano listino prezzi fortunatamente i clienti hanno cominciato ad essere più simpatici e cortesi.

Molti dei miei clienti sono abituali e hanno trovato la cosa molto divertente, cominciando ad esagerare con l’educazione”, ha detto Pepino. “Hanno cominciato a chiamarmi ‘Sua Maestà’ quando hanno visto il cartello”.

Donna australiana sposa un ponte nel sud della Francia (4)

Donna australiana sposa un ponte nel sud della Francia

Negli ultimi 10 anni, l’artista australiana Jodi Rose ha viaggiato in tutto il mondo per registrare le vibrazioni dei cavi dei ponti con microfoni a contatto al fine di creare musica sperimentale. La ragazza ha una relazione così intima con i ponti che ha deciso di sposarne uno, situato nel sud della Francia.

Donna australiana sposa un ponte nel sud della Francia (4)

Il Pont du Diable (il Ponte del Diavolo) è un vecchio ponte di pietra di 600 anni, costruito su una ripida gola nell’Hérault, e per Jodi Rose è “quello giusto”.
Dopo averne visitati a dozzine in tutto il mondo per il suo progetto musicale chiamato Singing Bridges, Jodi ha deciso di celebrare con il Pont du Diable il suo amore per i ponti.

“Nonostante sia fatto di pietra, la risonanza del suo essere è molto presente e mi sento in pace nel suo forte abbraccio“, ha dichiarato Jodi.

Per il suo particolare matrimonio – simbolico, naturalmente – la ragazza ha indossato un vero vestito da sposa, con tanto di bouquet, preparando addirittura un breve giuramento per l’amato ponte.
Al matrimonio hanno partecipato una dozzina di persone, compreso il sindaco di Saint-Jean-de-Fos, un paesino dei dintorni.

Il Ponte del Diavolo ha tutto quello che desidero in un marito: è robusto, affidabile, sensuale, gentile e bello”, ha detto la musicista australiana.

Donna australiana sposa un ponte nel sud della Francia (1) Donna australiana sposa un ponte nel sud della Francia (2) Donna australiana sposa un ponte nel sud della Francia (3)

Azienda offre sequestri su misura

Azienda francese offre agli amanti del brivido sequestri su misura!

Siete amanti del brivido? Vi siete più volte chiesti come ci si sente in condizioni estreme come quelle che si vedono nei film d’azione? Dalla Francia arriva il servizio che fa per voi.

Una società specializzata nell’organizzazione di eventi, la Ultime Réalité ha escogitato un nuovo modo di fare soldi, permettendo alle persone più coraggiose di provare il brivido del rapimento per solo 1300 euro.

Il pacchetto base prevede di essere avvicinati da degli sconosciuti in un momento qualsiasi della giornata, legati, imbavagliati e costretti a salire su un’auto che vi condurrà verso una cella buia e lontana del centro abitato.

Azienda offre sequestri su misura

Il rapimento dura un paio di ore, ma se siete disposti a spendere di più, l’azienda offre anche rapimenti più lunghi e con spettacolari salvataggi, come ad esempio in barca o in elicottero.

Gli inventori del servizio affermano che i finti rapimenti aiutano i clienti ad apprezzare meglio la propria vita e che le emozioni che si possono provare durante il sequestro sono molto vicine a quelle reali. Paura, terrore, violenza, sono assicurate.

Tra le varie opzioni, potrete anche scegliere lo scenario più adatto ai vostri gusti, per un’esperienza davvero indimenticabile!