Kidogo, il gorilla funambolo

Kidogo è un gorilla di 12 anni trasferito allo Krefeld Zoo in Germania lo scorso marzo, a causa dell’infertilità del precedente gorilla Massa. Prima si trovava allo Givskud Zoo, in Danimarca.
All’inizio aveva nostalgia di casa; sembrava disinteressato e non riusciva ad adattarsi, così hanno pensato di aggiungere una fune nella sua recinzione per farlo distrarre un po’. Sono stati tutti molto sorpresi quando, invece di appendersi alla corda, ha cominciato a camminarci sopra!

Il gorilla è diventato una sorta di artista ed è già stato paragonato all’acrobata Nik Wallenda, la prima persona che ha attraversato le cascate del Niagara camminando su una fune.
Kidogo (che tradotto dallo swahili significa “piccolo”) è soprannominato “Re Kodo” dai suoi custodi ed è in compagnia di due gorilla femmine, Muna di 23 e Oya di 24 anni.

Arzilla vecchietta si cala dalla finestra con una fune, i polpieri la salvano

Arzilla vecchietta si cala dalla finestra con una fune, i pompieri la salvano

Arzilla vecchietta si cala dalla finestra con una fune, i polpieri la salvanoUna nostalgica vecchietta è stata salvata dai pompieri dopo che ha provato a calarsi dal
quinto piano di un appartamento. Zhang Yingfeng, questo il nome della 80enne, stava soggiornandonell’appartemento del figlio Tian Weitao nella città di Hebi, situata nella provincia di Henan, ma evidentemente voleva disperatamente tornare al suo villaggio.

Tian ha deciso di chiudere lo porta di casa a chiave perché sicuro che la mamma avrebbe approfittato dei benefici dovuti alla permamenza in città se fosse rimasta ancora con lui e la moglie.

Ma l’arzilla signora non non aveva alcuna intenzione di stare chiusa in casa, così
ha preso una corda e se l’è legata alla vita prima di calarsi dalla finestra, come riporta il quotidiando “Henan Business Daily”. Sua intenzione era quella di “scendere” fino alla strada, ma avendo calcolato male la lunghezza della corda, è rimasta pericolosamente appesa a mezz’aria.

“Pensavo che la corda fosse lunga abbastanza”, ha ammesso la donna, “ma non avevo tenuto conto della parte che mi sarei legata attorno alla vita.”

Fortunatamente è stata notata dai vicini di casa che hanno chiamato subito i soccorsi, arrivati poi tempestivamente. I pompieri hanno subito raggiunto una finestra del terzo piano da cui hanno sostenuto la donna tramite una pala, mentre un collega si calava dal quinto con una scala di corda.

E’ stato poi attrezzato un argano che ha riportato la donna a terra. L’unica lesione riportata da Zhang sono state le bruciature sulle dita dovute alla corda.

[Grazie a Dado per la traduzione]