Alfred Stewart

Scambiano gesti dei sordomuti per segnali di gang e li accoltellano

Un sordomuto e alcuni suoi amici, invitati ad una festa di compleanno, sono stati ricoverati in ospedale dopo essere stati brutalmente malmenati e accoltellati da altri ragazzi che avevano scambiato il loro alfabeto dei gesti per segnali da gang.

L’incidente è avvenuto all’Ocean’s Eleven Lounge, ad Hallandale Beach, in Florida.

Alfred StewartBarbara Lee e Marco Ibanez

Il trentenne Aldred Stewart si era recato nel locale per festeggiare il compleanno di un amico. Essendo Stewart sordomuto, l’unico modo per riuscire a comunicare con le altre persone è quello di utilizzare il linguaggio dei segni.

Barbara Lee però ha frainteso quei gesti e ha affrontato a viso aperto Stwart e i suoi amici credendo che le stessero lanciando dei segnali da gang.

Così dapprima ha risposto che un gesto che nel linguaggio delle gang significa “lasciami in pace”, poi dopo aver notato che all’altro tavolo i gesti continuavano, è uscita dal locale tornando poco dopo accompagnata da 2 giovani ragazzi armati di coltello.

Così è nata una rissa in cui sono rimaste ferite 4 persone. Tre persone sono state accoltellate, una quarta è stata colpita con una bottiglia in testa.

La polizia sto conducendo delle indagini per ricostruire al meglio la situazione. Nel frattempo Barbara, il suo amico Marco,  autore degli accoltellamenti, e un altro ragazzo minorenne, sono stati bloccati.

tyson orecchio

Gli tagliano l’orecchio e lo costringono a mangiarselo

tyson orecchioUn uomo in Irlanda è stato costretto a mangiarsi una parte del suo stesso orecchio dopo che questa gli era stata tagliata da alcune violente persone.

La vicenda è stata resa nota dalla polizia di County Kildare che sta investigando sull’aggressione da parte di una gang della città di Newbridge nella mattinata di Lunedì, nei confronti dell’uomo con sbarre metalliche e oggetti contundenti.

La prognosi parla di ferite riportate alla testa, alla mascella, ad una gamba e naturalmente all’orecchio.

Gli aggressori dopo aver tagliato un pezzo di orecchio all’uomo, rimasto senza identità, lo hanno obbligato a mangiarselo.

La polizia sta ora cercando di capire le ragioni dell’aggressione ed è sulle tracce della banda.

Insomma, probabilmente da quelle parti il detto è: occhio per occhio, orecchio per bocca.