Uomo bolla (3)

Lauw Tjoan Eng, l’uomo bolla

Uomo bollaHa 51 anni, proviene da Sawah Besar vicino Jakarta in Indonesia ed è affetto da una rara e terribile malattia della pelle che lo ha portato ad essere soprannominato “L’uomo Bolla”.

Il signor Lauw Tjoan Eng il cui intero corpo è ricoperto da tumori benigni e durante tutta la sua vita non ha mai avuto occasione di dare appuntamento ad una ragazza perché timoroso di terrorizzarla con il suo aspetto.

Addirittura lui stesso si rifiuta di guardarsi allo specchio per non rimanere spaventato dal suo stesso riflesso.

L’uomo ha iniziato a sviluppare la malattia quando aveva appena 5 anni e da allora le bolle si sono estese su tutto il corpo.

La condizione di Lauw ha fatto in modo che la sua vita trascorresse in una solitudine quasi totale. Nessuno infatti se l’è mai sentita di stargli accanto a causa del suo aspetto.

Anche nella vita di tutti i giorni Lauw preferisce uscire di casa a fare la spesa e a mangiare, la sera tardi, quando nessuno può vederlo.

“Non ho neanche una mia foto da quando mi sono spuntate queste bolle, perché odio il mio aspetto. Sono frustrato da questa situazione e non riesco neanche a guardarmi allo specchio. Vivo da solo e mia sorella vive piuttosto lontano da me, quindi sono davvero solo. Inoltre non voglio un lavoro perché nessuno mi prenderebbe e quindi mia sorella mi manda ogni mese un po’ di soldi per sopravvivere.

Uomo bolla (2)Uomo bolla (1)

Donna morta cammina

Il misterioso caso della donna morta che cammina nel villaggio dei Toraja, in Indonesia

Donna morta camminaSe pensavate che gli zombie fossero solo un’invenzione cinematografica per arricchire i botteghini, vi sbagliavate di grosso.

Questa storia arriva dall’Indonesia e per la precisione dal villaggio dei Toraja, antico gruppo etnico indigeno. Durante un rituale sacro, è stata scattata una foto in cui si vede una donna dalle sembianze di uno zombie, rimanere in piedi, sorretta per un braccio da un uomo.

Secondo la tradizione locale, ogni essere umano dopo la morte è in grado di trasformarsi in zombie e secondo antiche usanze, gli abitanti di questo villaggio avrebbero l’abilità di far camminare le persone morte.

Le antiche leggende dànno due spiegazioni a questo rito. La prima riguarda l’usanza di seppellire i morti nel proprio paese di origine. Purtroppo però molte volte le famiglie non hanno la possibilità di riportare a casa i propri cari. Per fare in modo che il morto possa tornare a casa quindi lo si riporta in vita e lo si fa camminare fino a casa.

La seconda teoria è quella che afferma che il morto impiega diversi anni prima di poter portare a compimento il suo percorso verso l’aldilà e che durante questo periodo è necessario preparare una sepoltura degna ai morti e che nel caso in cui la famiglia non possa permetterselo, è necessario preparare una sepoltura temporanea e poi solo una volta completata quella definitiva, risvegliare il morto e farlo accomodare nella nuova sistemazione.

morto che camminaUna marea di fesserie starete pensando. Beh, effettivamente sì.
Ma quale altre spiegazione dareste voi a questa foto che sta facendo il giro di internet?

Alcuni pensano si possa trattare di una foto modificata, altri invece pensano ad un’anziana donna malata. Quel che è certo è che l’effetto è sicuramente molto forte e il fatto che sembra stia camminando verso una bara rende il tutto molto spaventoso.

Voi cosa pensate possa essere?
AGGIORNAMENTO Nov 2013: vi consiglio di leggere i commenti per capirne un po’ di più.

Wisnu Chandra, l'uomo bolla

Chandra Winsu, l’uomo bolla! Cerca aiuto per salvare i figli!

Chandra Wisnu, 57 anni è una delle pochissime persone al mondo ad essere affetto da una malattia della pelle che gli provoca la crescita di enormi bolle su tutto il corpo.

Wisnu Chandra, l'uomo bolla

L’uomo, sposato e padre di 4 figli proviene dall’Indonesia e a causa della sua condizione vive una vita di reclusione uscendo solo quando costretto, cercando sempre di coprirsi il più possibile per non essere visto e ridicolizzato dalle persone.

Le impressionanti bolle rosse sono spuntate sul volto di Chandra per la prima volta quando aveva appena 19 anni. Dall’epoca, le bolle si sono espanse su tutto il corpo, fino quando all’età di 32 anni avevamo ricoperto praticamente ogni centimetro della sua pelle.

Secondo i medici, che negli hanno hanno visitato decine di volte Chandra, la sua condizione dipende da un’anomalia del sistema nervoso che provoca la formazione di tumori benigni che crescono sia sulla pelle che sulle ossa.

Nonostante le moltissime creme prescrittegli, la condizione non ha fatto altro che peggiorare e ora Chandra è ormai rassegnato.

Ma dopo tutti questi anni vissuti nascosto, Chandra ha deciso ora di mostrarsi al mondo intero affinché possa essere trovata una cura alla sua malattia e affinché i suoi due figli Martin e Lis che mostrano i primi segni della malattia, possano essere curati e non fare la sua stessa fine.

Speriamo che qualcuno possa trovare davvero una soluzione, nel frattempo Chandra si consola: “Fino a quando non potrò essere curato, tutto quello di cui ho bisogno è l’affetto della mia famiglia”.

John Chang - Dynamo Jack

Dynamo Jack – L’uomo che sposta e brucia gli oggetti con l’arte del Qi Gong

John Chang - Dynamo JackDynamo Jack è il nome dato a Jack Chang, un agopuntore di Java in Indonesia, che afferma di essere in grado di utilizzare un’antichissima tecnica di concentrazione dell’energia chiamata Qi Gong.

L’uomo nonostante la sua forte diffidenza nei confronti delle telecamere, ha dimostrato di essere in grado di concentrare una quantità notevole di energia nel suo corpo e di essere poi in grado di trasferire questa energia sui corpi che lo circondano, anche senza toccarli.

Dynamo Jack da fuoco a un pezzo di cartaTramite questa tecnica Dynamo Jack è in grado di accendere lampadine solo toccandole, infilzare con un bastoncino un tavolo in legno massiccio, far cadere gli oggetti da una certa distanza senza toccarli e addirittura muovere i muscoli di altre persone con un dito.

Purtroppo anche se  Chang è sempre sembrato disponibile per chiarimenti riguardo alle sue capacità, abbiamo pochissime testimonianze visive. Dopo essersi prestato per la realizzazione di un documentario l’uomo ha dichiarato di essere stato visitato in sogno dal suo anziano maestro deceduto molti anni fa, Tsu-Tong (Mr Weird Banana) il quale gli avrebbe proibito di esibire nuovamente l’arte del Qi Gong davanti ad una telecamera.

Probabilmente questo è solo uno dei tanti imbroglioni che si spacciano per supereroi, ma è sicuramente innegabile che le arti marziali e in generale le arti di meditazione riescono a spingere le capacità umane oltre i limiti comuni.

Guardate il video di Dynamo Jack e fatevi un’idea.