L'uomo più sporco del mondo, non si lava da 60 anni (4)

L’uomo più sporco del mondo, non si lava da 60 anni

L’80enne iraniano Haji è fermamente convinto che la pulizia possa portargli malattie e per questo è da ben 60 anni che rifiuta di lavarsi.

L'uomo più sporco del mondo, non si lava da 60 anni (4)

Haji vive in isolamento nel villaggio di Dejgah, in Iran, e anche il solo pensiero di farsi un bagno lo fa arrabbiare. È talmente tanto sporco che il colore della sua pelle è ormai molto simile a quella del terreno, tanto da riuscire ad essere scambiato per una statua di roccia se non si muove.

Non è solo l’acqua che disprezza; addirittura, l’anziano disgusta il cibo fresco e l’acqua potabile. Beve acqua che prende da una grande cisterna di petrolio arrugginita e il suo pasto preferito è carne di istrice marcia. Gli piace anche fumare la pipa ma, al posto del tabacco, ci mette feci di animali. Per tagliarsi i capelli non usa forbici o rasoi ma li brucia con una fiamma aperta.

Non ha una casa, in quanto considera casa la terra dove cammina. Vive quindi in un buco sul terreno, molto simile a una tomba, che lo tiene a contatto con la realtà della vita. Ogni tanto, quando c’è maltempo, dorme in una baracca di mattoni che gli abitanti del villaggio hanno costruito appositamente per lui, per pietà.

L'uomo più sporco del mondo, non si lava da 60 anni (1) L'uomo più sporco del mondo, non si lava da 60 anni (2) L'uomo più sporco del mondo, non si lava da 60 anni (3) L'uomo più sporco del mondo, non si lava da 60 anni (5)

Lo stile di vita di Haji è molto singolare. Gli abitanti del villaggio – a cui non dà nessun fastidio e che anzi lo chiamano Amou Haji (“Amou” nella loro lingua è un vezzeggiativo per indicare un anziano gentile) – affermano che ha avuto gravi problemi in gioventù che lo hanno portato a fare queste scelte estreme. Nonostante questo, però, sembra molto più felice di molte persone che vivono avendo tutti i comfort e le comodità.

Trova una bomba inesplosa e la lava nel lavandino

Una delle cose da non fare quando si trova una bomba è sicuramente portarla in casa. Una donna inglese, oltre a portarla in casa, l’ha addirittura lavata nel lavandino.

Trova una bomba inesplosa e la lava nel lavandino Carole Longhorn, una donna di 66 anni, ha dissotterrato un oggetto lungo 25cm nel suo giardino. Non capiva cos’era così ha chiamato il marito per chiedergli cosa potesse essere e, non ricevendo nessuna risposta, ha deciso di dargli un’occhiata in casa.

“Ho sentito un rumore in cucina e ho visto che la stava lavando nel lavandino“, ha detto il marito, descrivendo come la moglie ha messo la bomba della Seconda Guerra Mondiale sul tavolo coprendola con una sedia di plastica.

Il signor Longhorn ha prontamente chiamato la Polizia, che ha consigliato ai due di lasciare immediatamente la casa.

L’arma è stata successivamente portata in una cava ed è stata fatta esplodere da una squadra di artificieri.

Kailash Singh

L’uomo più puzzolente del mondo, non si lava da 37 anni

Kailash SinghQuando spiega il perché della sua decisione, afferma che un prete gli ha promesso almeno un figlio maschio ed una stirpe nobile se avesse seguito il consiglio.

Per questo motivo il signor Kailash Singh, 65 anni, da 37 rifiuta di lavarsi, anche se i vicini dell’uomo scherzando sull’odore affermano che la moglie avrebbe dovuto completamente rifiutarsi di avere figli con lui.

Singh passa le sue giornate con le sue mucche e l’unico bagno che si concede durante la giornata è quello di fuoco, fumando la sua marijuana, pregando il Lord Hindu Shiva e danzando davanti al falò.

La sua famiglia, evidentemente stufa di sorbire il suo odore ogni giorno, ammette di avere cercato di obbligare Singh a farsi una doccia, purtroppo senza successo.

“Ci ha urlato dietro e se ne è andato” – dice la moglie Kalaviti Devi, 60 anni – “Abbiamo provato più di una volta nel corso degli anni ma si è sempre rifiutato!”

“Ci dice sempre che preferirebbe morire piuttosto che farsi una doccia e solo un figlio potrebbe riuscire a fargli cambiare idea.”

La donna è addirittura arrivata al punto di non volere più dormire con Singh a causa della puzza, ma questo non ha fatto cambiare idea all’uomo e la donna ha dovuto arrendersi per prima.

Singh lavora tutti i giorni con le sue mucche sotto temperature che non di rado superano i 47 gradi centigradi nel villaggio di Chatav, immaginate l’odore che dopo anni e anni di sudore lo avvolge.

“Non capiscono la mia decisione e non riusciranno a farmi cambiare idea, l’ha voluto Dio non io”