Dominatrice sessuale processata per violazione norme di sicurezza

Dominatrice sadomaso processata per violazione norme di sicurezza

Una dominatrice sadomaso inglese a cui piace imbavagliare, incatenare e frustare gli uomini è stata processata per aver violato le norme di sicurezza antincendio.

Dominatrice sessuale processata per violazione norme di sicurezza Lorraine White, dominatrice di Stockport (Inghilterra), è stata perseguita dai vigili del fuoco, chiamati il 30 ottobre 2012 a causa di un incendio avvenuto nel sotterraneo della donna – dove appunto era solita portare gli uomini per i loro giochi sessuali. I vigili del fuoco non sono stati in grado di accedere immediatamente al sotterraneo e quando finalmente sono riusciti a entrare hanno scoperto la macabra stanza piena di manette, di catene e vari contenitori di protossido di azoto (chiamato anche gas esilarante), usato dalle dominatrici per dare ai propri clienti un’eccitazione momentanea. Questo gas può essere però molto pericoloso in caso di incendio anche perché le persone sotto il suo effetto non sarebbero in grado di reagire.

La signora White, ex estetista 41enne, ha ammesso di aver violato quattro norme di salute e di sicurezza questa settimana alla corte di Stockport. La donna è stata dichiarata colpevole di non aver valutato i rischi, di non aver installato opportuni allarmi antincendio, illuminazione di emergenza e di non avere uscite di emergenza.

Il Pubblico Ministero ha spiegato che quando è stato chiesto alla dominatrice di spiegare le attività che svolgeva nel sotterraneo ha detto: “Niente era troppo severo. Lieve bondage, ogni tanto qualche maschera e bavaglio. Si trattava di molta umiliazione, fare lavori domestici e vestirsi con abiti femminili“. L’avvocato difensore ha descritto la sua cliente come una donna d’affari di buon carattere.

nasconde manette nella vagina

Donna arrestata, si libera dalle manette e le nasconde nella vagina

Una donna californiana di 51 anni è stata arrestata per guida in stato di ebrezza dalla polizia locale di Atascadero.

Gli agenti erano stati avvertiti dal figlio 11enne della donna, dopo che la madre era andata a sbattere con l’auto contro il garage delle loro abitazione.
nasconde manette nella vagina

La donna, rimasta nell’anonimato, anche per proteggere la privacy del figlioletto, è stata accusata di guida in stato di ebrezza e maltrattamento di minore ed è stata ammanettata e fatta salire sull’auto.

Il fatto incredibile è avvenuto proprio all’interno del’auto. Poco dopo la partenza, gli agenti di polizia, si sono accorti che le manette erano scomparse dalle mani della donna.

A nulla sono servite le ricerche all’interno dell’auto, nei sedili, nel portaoggetti, sotto i tappetini. Le manette sembravano scomparse.

Solo in centrale è stato scoperto, tramite un indagine corporale, che la donna aveva deciso di nasconderle all’interno della SUA VAGINA.

Ancora non è chiaro il motivo di tale gesto. Per la cronaca le manette erano ancora chiuse al momento del ritrovamento.

La donna ora è anche accusata di furto.