Christian Berthelot cattura i primi attimi di vita dei neonati (8)

Fotografo francese cattura i primi attimi di vita dei neonati (FOTO)

Il fotografo francese Christian Berthelot ha voluto catturare i primi momenti di vita di alcuni neonati fotografandoli pochi istanti dopo essere stati partoriti. “Lontano dai luoghi comuni e dalle banalità, ho voluto mostrarci per come siamo quando nasciamo”, ha detto Berthelot.

Christian Berthelot cattura i primi attimi di vita dei neonati (8)

Il suo progetto si chiama “Cesar“; Berthelot ha fotografato i neonati appena usciti dal grembo della madre, precisamente dai tre ai diciotto secondi dopo il parto cesario, mostrando i loro corpicini nudi e ancora ricoperti di fluidi corporei, prima ancora che venisse loro tagliato il cordone ombelicale.

(altro…)

10 cose che non vi hanno mai detto sulla gravidanza e sul parto

non importa che voi siate donne che ancora non hanno avuto un bambino, o che magari mai lo avranno, o uomini che incuriositi vogliono imparare qualcosa in più su un’esperienza che da sempre li vede coinvolti ma in modo relativo; ecco a voi una lista delle 10 cose che mai nessuno vi ha detto riguardo al parto e che nessuno mai vi dirà per non spaventarvi.

1. E’ possibile rimanere incinta per più di un anno.

Quasi tutte le gravidanze durano all’incirca 9 mesi, esistono però dei rari casi in cui la permanenza del neonato nel grembo della madre si è prolungata fino a 375 giorni, oltre 1 anno, senza alcuna conseguenza o malattia per il piccolo. Dunque se siete un paio di settimane in ritardo, beh, sappiate che non è un problema.

2. I feti di sesso maschile, possono avere delle erezioni già all’interno del grembo materno.

Solitamente alla madri non piace pensare ai propri figli alle prese con le questioni sessuali, anche le più banali e naturali, eppure molte non sanno che sia le femminucce che i maschietti, già durante la gravidanza, possono avere istinti sessuali, eccitarsi e addirittura masturbarsi, seppur non come noi ci immaginiamo. Tale attitudine è stata dimostrata scientificamente e in alcuni casi immortalata durante le ecografie, soprattutto nel caso di feti di sesso maschile.

3. Dopo il parto potresti avere bisogno di punti di sutura

l’ultimo luogo in cui ogni donna vorrebbe dei punti di sutura sono proprio le parti intime, eppure molte donne dopo il parto hanno bisogno di alcuni punti che possano ricucire parte dei tessuti che durante il parto possono ‘strapparsi’. Non per spaventsrvi, ma si sono visti alcuni casi in cui i chirurghi hanno dovuto ricucire la pelle fino all’ano e anche oltre. massaggiare l’area interessata prima della nascita può ridurre il rischio di lacerazioni.

4. Durante il parto molte donne se la fanno sotto.

Esatto, proprio in quel senso, è estremamente comune per una donna incappare in questo piccolo incidente durante il parto. La dilatazione dei tessuti e l’estremo sforzo per riuscire a partorire, spesso fanno in modo che i muscoli che solitamente trattengono le feci si dilatino e lascino che qualcosa esca. Inoltre durante la nascita, il neonato spinge sul retto per riuscire ad uscire ed è quasi inevitabile che qualcosa esce. Fortunatamente i medici e le ostetriche sono abituati a questo genere di incidenti e nella maggiorparte dei casi non vi diranno neanche che è successo per non crearvi imbarazzo.

5. Il tuo olfatto migliora durante la gravidanza

Durante la gravidanza l’olfatto famminile migliora in modo drastico così come il gusto.Gli scienziati ipotizzano che questo possa aiutare le madri gravide per evitare di mangiare cibi ricchi di tossine che sebbene innoque per gli adulti, potrebbero recare danni ai nascituri. Sapendo che il fumo, l’alcool e il caffè sono tutti molto nocivi durante la gravidanza, le ipotesi degli scienziati potrebbero non essere del tutto infondate.

6. Le contrazioni non finiscono con il parto
Molte madri hanno contrazioni anche dopo aver partorito per almeno un paio di giorni. La contrazione dei muscoli avviene per fermare l’eccesso di perdita di sangue post parto.

 

7. Non è vero che durante il parto bisogna mangiare per due.

Nonostante sia una convinzione molto diffusa, quella di mangiare molto di più durante la gravidanza è unaabitudine non del tutto corretta. La verità è che la quasi totalità delle donne hanno bisogno di appena 300 calorie in più al giorno per poter partorire un bambino sano. Tale quantità di calorie corrisponde ad una normale colazione.

8. I piedi possono crescere di un numero
Se vi state chiedendo perché i vostri piedi sono così gonfi da non riuscire ad entrare nelle scarpe che vi mettete da sempre, state tranquille, si tratta di un processo naturale di rilassamento dei muscoli e della pelle che prepara al parto e che può portare i vostri piedi a crescere di una taglia rispetto alla vostra. Durante questo periodo i piedi non si dilateranno solo in lunghezza, ma anche in larghezza, per questo potreste avere dei problemi con le scarpe.
la maggiorparte delle volte il processo è temporaneo, ma nel caso in cui la dilatazione è molto estesa, gli effetti possono diventare permanenti.

9. I padri possono soffrire dei sintomi della gravidanza

E’ molto comune tra i futuri padri prendere peso durante la gravidanza della propria partener, alzarsi la mattina con la nausea e addirittura avere crampi all’addome. Questa condizione è conosciuta con il nome di gravidanza simpatetica o Sindrome di Couvade.

10. L’affermazione “ardere durante il parto” non è del tutto sbagliata

Quando si dice che una donna durante il parto arde, molti pensano che ci i riferisca all’eccitazione delle donne che sono diventate madri, in realtà il modo di dire non è poi così lontano dalla realtà. Durante la gravidanza il sangue nel corpo aumenterà di circa il 50% e tutto questo sangue durante il parto fa arrossire le donne in tutto il corpo, soprattutto sulle guance.

 

Mozart in cuffia per i neonati (1)

Ospedale addormenta i neonati con la musica di Mozart in cuffia

Una clinica ospedaliera slovacca sembra aver trovato il modo di tranquillizzare i bimbi appena nati facendoli addormentare con delle cuffie nelle orecchie e facendo loro ascoltare musica del compositore Mozart.

Mozart in cuffia per i neonati

Sebbene siano cuffie di normale grandezza, accostate alle orecchie dei neonati sembrano enormi cuffie dalla quale non viene sparata musica a tutto volume, ma una dolce e rilassente melodia di Mozart o di Vivaldi.

L’idea di fare ascoltare la musica ai neonati per conciliare meglio il loro sonno è venuta all’ospedale di Kosice-Saca dopo aver sperimentato che la musica, soprattutto quella classica, sarebbe di grande aiuto nel supplire la voce materna che non sempre può essere accanto al proprio bimbo.

I vantaggi maggiori si sono riscontrati nel mantenimento del battito cardiaco regolare e di una corretta respirazione.

Mozart in cuffia per i neonati (2)Mozart in cuffia per i neonati (3)Mozart in cuffia per i neonati (4)

Il dottor Slavka Viragovà, responsabile del progetto, afferma che Mozart richiama nei neonati la suggestione della madre, che per ovvie ragioni pratiche, durante i primi giorni di vita non può stare con loro 24 ore su 24.

“La nascita è molto stressante per un bambino. La terapia della musica credo sia un ottimo strumento antistress che aiuta anche a sopportare il dolore.” – conclude il dottor Viragovà.

Gemellini neonati hanno un’accesa discussione – La parodia

Ormai credo che abbiate visto tutti il video dei due gemellini neonati che davanti al frigorifero si avventuravano in un’accesa discusione fatta di versi e gesti (dato che Scriscia la notizia lo trasmette da giorni!)! Nel caso non l’abbiate fatto, lo potete trovare qua!

Oggi però vi propongo la parodia realizzata dai mattacchioni di FunnyOrDie! Vi assicuro che riderete come dei pazzi!