Creato in Cina il simulatore della cremazione

Per i più audaci e curiosi, è stata creata in Cina un’attrazione in un parco a tema in cui è possibile vivere l’ebbrezza della cremazione.

Tutti ci siamo chiesti, almeno una volta nella vita, cosa c’è dopo la morte.
In Cina hanno avuto l’accortezza di provare a testarlo fisicamente, far percepire le sensazioni che proverebbe un corpo durante il proprio funerale o la cremazione, se solo non fosse morto. (altro…)

Cacciata dal parco acquatico a causa del costume “troppo piccolo”

Una donna è stata cacciata da un parco acquatico in quanto il suo bikini era troppo piccolo.

Cacciata dal parco acquatico a causa del costume "troppo piccolo" Madelyn Sheaffer aveva appena speso più di £100 per un nuovo costume da bagno da usare per andare al parco acquatico con la famiglia e gli amici. Una volta arrivata, però, due giovani ragazze le si sono avvicinate per dirle che il costume non la copriva abbastanza.

Madelyn ha chiesto di parlare con il direttore, che le ha risposto che avrebbe dovuto coprirsi di più, altrimenti avrebbe dovuto lasciare il parco.

Sento di essere stata discriminata sia a causa della mia età che del mio corpo; se mi guardo attorno vedo una manciata di altre ragazze con la metà dei miei anni della mia stessa taglia che indossano lo stesso tipo di costume senza essere costrette a doversi vestire di più o ad andarsene”, ha dichiarato la signora Sheaffer, che voleva sporgere denuncia.

La Polizia, nonostante fosse dalla sua parte, le ha sconsigliato di farlo, in quanto il direttore stava solamente “facendo il proprio lavoro”.

Debbie Bower

E’ troppo grassa, si incastra nello scivolo del parco acquatico

Debbie BowerDoveva essere una giornata di puro divertimento al parco acquatico di Butlins, ma per la signora Debbie Bower si è trasformato in un vero incubo dopo che i pompieri hanno impiegato piu di 2 ore per poterla liberare da uno scivolo nel quale si era incastrata.

Secondo quanto raccontato, la 35enne, che pesa 113 chilogrammi sarebbe rimasta incastrata in uno scivolo giallo a metà strada.

A quel punto uno dei bagnini ha tentato di disincastrarla ma Debbie sarebbe scivolata facendosi male alla schiena e non riuscendo più a terminare gli ultimi 100 metri che la separavano dalla piscina.

Il dolore era talmente forte che la donna non riusciva più a muoversi ed è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco e di una squadra di paramedici per portare la donna in salvo.

“Mi hanno messa su una tavola spinale e hanno asciugato lo scivolo per riuscire a portarmi a terra.” – ha raccontato al The Sun.

I responsabili del parco hanno affermato che l’incidente è stato causato dal peso della donna e dell’amico che in quel momento si trovava sullo scivolo con lei.

Il peso dei due superava il limite consentito di oltre 140 chili e ha impedito alla pompa dello scivolo di continuare a funzionare.

“Credo che non sia giusto dire che il mio peso è stato la causa dell’incidente!” – ha dichiarato stizzita la donna – “Credo piuttosto che ci sia stato un problema all’impianto idraulico dello scivolo.”