Va a rapinare una banca in taxi, chiede all'autista di aspettarlo

Va a rapinare una banca in taxi, chiede all’autista di aspettarlo

Va a rapinare una banca in taxi, chiede all'autista di aspettarlo Un rapinatore ha pensato di andare a svaligiare una banca di Edimburgo in taxi, facendosi addirittura aspettare mentre procedeva con la rapina.

Dopo aver riempito il suo sacchetto di plastica (!) con migliaia di sterline, il rapinatore è tornato dal tassista – che a quanto pare non si è accorto di nulla – per farsi riportare indietro.

La Polizia ha dichiarato che durante la rapina non è stata usata alcuna arma.

L’ispettore Rory Hamilton ha detto: “Non è raro che a un tassista venga chiesto di aspettare fuori da una banca. Ora però abbiamo bisogno che l’autista si metta in contatto con noi”.

Fa arrestare il figlio per averle rubato delle merendine (1)

Fa arrestare il figlio per averle rubato delle merendine

Un ragazzino di 13 anni è stato arrestato con l’accusa di aver rubato delle merendine… alla madre.

Fa arrestare il figlio per averle rubato delle merendine (1) Il ragazzino di Charlotte (Carolina del Nord, USA) è stato accusato di furto dopo che la madre, Latasha Renee Love, ha dichiarato che il figlio le avrebbe mangiato alcune Pop Tarts (merendine della Kellogg’s) senza chiederle il permesso.

La donna, 37enne, ha chiamato la Polizia, che ha arrestato il minorenne.
Gli agenti erano così sorpresi che una mamma facesse arrestare il figlio che l’hanno interrogata per un paio di ore.

A quanto pare, non è stata la prima volta che la signora Love ha avuto problemi di questo genere con il figlio.
I vicini di casa, però, parlano sempre bene del figlio della donna.
“Mi sembra davvero carino. Voglio dire, è molto rispettoso“, ha affermato uno dei vicini.

Fa arrestare il figlio per averle rubato delle merendine (2)

Helen Dunsford e Renee Lee Green

Non ha niente da perdere, 66enne malata di cancro sventa una rapina

Una cliente 66enne di una banca, ha affrontato una presunta rapinatrice in una filiale di Oakland Park, Florida, e l’ha trattenuta fino a che sono arrivate le forze dell’ordine.

Quando le forze dell’ordine hanno chiesto alla cliente perché fosse intervenuta, lei ha risposto:  “Sto morendo di cancro, immagino di non aver nulla da perdere e non volevo vedere la sospetta rapinatrice farla franca”.

La cliente, Helen Dunsford, ha poi aggiunto: “L’FBI mi ha chiesto di non parlarvi. Lasciate che i fatti vengano confermati dal dipartimento di polizia, che le cose procedano.”

Quando le è stato chiesto se stava bene dopo l’alterco, Dunsford ha risposto: “Sto bene. Grazie.”

Secondo quanto ricostruito dagli ufficiali, il tentativo di rapina è avvenuto prima di mezzogiorno presso un istituto della Bank of America, in 150 E. Prospect Road, quando una donna ha messo la mano nel suo borsello ordinando a tutti di mettersi a terra e chiedendo soldi.

Helen Dunsford e Renee Lee Green

La donna era entrata in banca accompagnata da un uomo, ma quest’ultimo è uscito quasi subito dall’edificio, sostiene Pat Kaveney, un cliente che era in piedi allo sportello in quel momento.

La donna rapinatrice si è avvicinata al lato anteriore dello sportello, ha chiesto $10,000 sostenendo di avere una pistola, dice ancora Kaveney. Quello è il momento in cui la Dunsford è entrata in azione. La Dunsford “Ha perso il controllo,” dice ancora il signor Kaveney.

“Le è corsa incontro, la ha afferrata con le braccia e la ha atterrata dicendo: ‘Ho il cancro. Se vuoi puoi ammazzarmi!’”

Non è la prima volta che la Dunsford è finisce sui giornali. Lei e suo marito, Bill Dunsford, l’anno scorso hanno pubblicamente protestato contro gli sforzi della città di Fort Lauderdale di pulire il loro cantiere, cosparso di oggetti depositati lì da 40 anni.

Essendo fallito il tentativo di rapina, l’uomo che era entrato in banca assieme alla sospetta rapinatrice, è ritornato urlando che lei (la rapinatrice) era malata mentale.

Non è chiaro se il complice è lo stesso uomo che le forze dell’ordine hanno poi portato via con la macchina della polizia. Dall’auto, l’uomo ha urlato agli agenti che la sospettata era malata mentale, e che lui aveva provato a farla andare via.

L’Ipnosi come nuovo tecnica di rapina

Dimenticatevi il mitico “Mani in alto, questa è una rapina!!” con rapiantori dal volto coperto e muniti di coltelli o pistole.

Una donna nel sud della Russia ha scelto un metodo pacifico, ma non meno efficace. La polizia afferma che Galina Korzhova, una donna russa di origini Rom, ha ipnotizzato negli anni una trentina di dipendenti di varie banche facendosi consegnare senza l’uso di armi decine di migliaia di dollari.

La strana rapinatrice è stata arrestata nella città di Volgorad mentre si stava facendo consegnare da un dipendente ben $80.000. Che l’ipnosi sia il futuro dei rapinatori?!?

Tornaa a casa con un coltello conficcato nella schiena

Le conficca un coltello nella schiena e lei non accorgendosene torna normalmente a casa

Tornaa a casa con un coltello conficcato nella schienaRagazza Russa con un coltello nella schienaStava tornando a casa dal lavoro, dai suoi genitori a Mosca, quando un uomo armato di coltello l’ha fermata e ha tentato di derubarla della borsetta. Julia Popova, 22 anni, vittima dell’aggressione, ha reagito ed è nato uno violento corpo a corpo fra i due fino a quando lei si è allontanata ancora sotto shock dirigendosi verso casa.

E’ stato solo una volta arrivata a casa che la giovane impiegata si è accorta di avere un coltello da 15 centimetri conficcato nella schiena. Durante il concitato scontro la ragazza era rimasta così shockata da non essersi accorta di avere un coltello da cucina sulla schiena a soli pochi millimetri dalla sua spina dorsale.

I genitori terrorizzati e spaventati l’hanno immediatamente trasportata in ospedale dove i medici hanno provveduto a rimuore il coltello facendo attenzione a non danneggiare la spina dorsale di Julia.

Uno dei medici ha spiegato il perché la ragazza non si sia accorta di nulla: “Lo shock ha fatto in modo che il suo corpo non potesse provare dolore. L’unica cosa che in quel momento passava per la testa della ragazza era tornare a casa, anche se aveva un coltello conficcato nella schiena.”

Quello che non mi spiego io invece è come abbiano potuto trovare il tempo per fotografare la ragazza sia a casa che all’ospedale!

Absurdità in breve #3

Bambine rapinano banca, ricerche ancora in corso. I poliziotti in Ohio sono alla ricerca di due giovani ragazze accusate di rapina ad una banca. La loro età sarebbe di 12 e 14 anni. Nonostante l’uso di elicotteri e cani, le giovani ladre sono riuscite a dileguarsi. Entrate in banca martedì pomeriggio avevano minacciato gli impiegati se non avessero consegnato loro tutti i soldi. Dopo il colpo le due si sono allontanate senza problemi. Dalle prime indiscrezioni sembrerebbe che le due ragazze siano di carnagione nera. Nessuna ripresa da parte delle telecamere di sorveglianza è stata ancora rilasciata. [Video]

_____________________________________________________________________________________

Donna sopravvive ad una caduta dal 18esimo piano. E’ accuduto in Cina, la donna, di nome Ou, 26 anni è una studentessa di Pechino. Pochi giorni fa mentre puliva il bancone della sua abitazione è accidentalmente scivolata cadendo dal 18esimo piano. I medici affermano che la donna si sia salvata dalla caduta di 60 metri grazie agli arbusti, alla neve presente a terra e al suo giubbotto imbottito. A trovarla è stato un uomo a passeggio con il cane, che ha dato l’allarme. la ragazza è stata operata per fratture multiple scomposte ma non è in pericolo di vita. [Fonte]

_____________________________________________________________________________________

La bambina con 6 dita e neanche un pollice. E’ stata operata dai medici la piccola di 4 anni nata con una grave malformazione alla mano destra. La sua mano presentava infatti 6 dita anzichè 5 e perdipiù senza alcun pollice. I medici affermano di non aver mai visto una mano con 6 dita così “ben fatta”, la piccola Xiao Qian sembra avere 6 dita completamente uguali, come se non esistesse la normale distinzione tra anulare medio mignolo etc. L’operazione è stata ffettuata con lo scopo di rimuovere il dito più a sinistra e accorciare quello successivo per farlo sembrare un pollice. Si pensa che il probema  sia stato causato da un esposizione alle radiazioni della madre durante la gravidanza.