Hater – L’app per trovare persone che odiano le tue stesse cose

Dopo Grindr, Tinder, Blendr e tutti gli altri servizi in grado di avvicinare persone con gli stessi interessi, finalmente sbarca nel mondo degli incontri online, un’app in grado di aiutare i suoi utenti a trovare persone che nutrono odio per le stesse cose o persone.

Hater, fondata da Brendan Alper, è nata come uno scherzo tra amici e si è in brevissimo tempo trasformata in qualcosa di reale, anche dopo aver condotto alcune ricerche che confermavano la sua intuizione iniziale.

Hater avvicina le persone grazie a quello che le allontana dagli altri. Un concetto semplice ma efficacissimo.

L’applicazione, in beta test da Dicembre è stata lanciata ufficialmente su apple store ieri 8 Febbraio 2017 e a brevissimo su google play.

“Vogliamo che le persone possano esprimersi più onestamente. E poi è molto più semplice iniziare una conversazione con una persona che odia i cetrioli” – ha dichiarato il CEO delll’azienda.

Dopo Tinder e Grindr arriva Rumblr, l'app per fare a pugni gratis

Dopo Tinder e Grindr arriva Rumblr, l’app per fare a pugni gratis

AGGIORNAMENTO: a quanto pare si tratta di una trovata pubblicitaria di due creativi di New York. Peccato, ne avremmo viste delle belle.

Dopo le applicazioni per appuntamenti, le applicazioni per le consegne a domicilio e quant’altro, ora c’è un’applicazione con cui è possibile cercare un compagno con cui fare a pugni nelle vicinanze.

Dopo Tinder e Grindr arriva Rumblr, l'app per fare a pugni gratis

Basta cercare scuse per fare a pugni, è ora di far sfogare i maschietti che vogliono fare a botte tra di loro, proprio come aveva già pensato chi ha scritto Fight Club (perché il film con Brad Pitt è stato tratto da un libro, per chi non lo sapesse).

(altro…)

Mette il suo conto in banca come foto profilo su Tinder

Mette il suo conto in banca come foto profilo su Tinder

Ormai Tinder lo conosciamo quasi tutti ma per chi non lo sapesse è un’applicazione per incontri. Un certo Brandon, di 29 anni, ha pensato di attirare le ragazze non con le solite pose sexy ma con una foto del suo conto in banca, mettendola addirittura come foto profilo.

Mette il suo conto in banca come foto profilo su Tinder

Ricco (relativamente) sì, ma anche poco tecnologico, visto che la foto non è uno screen ma sembra essere stata scattata da un altro dispositivo. Magari è uno dei motivi per cui Brandon ha bisogno del suo conto in banca per attirare le ragazze!