Bimba di 9 anni passa la dogana con il passaporto di un unicorno (4)

Bimba di 9 anni passa la dogana con il passaporto di un unicorno

Una bambina inglese di 9 anni è riuscita ad entrare in Turchia esibendo il finto passaporto del suo peluche preferito, un unicorno rosa.

Bimba di 9 anni passa la dogana con il passaporto di un unicorno (4)

La madre di Emily Harris non si era accorta di aver dato alla figlia il passaporto sbagliato e, a quanto pare, non se ne sono accorti nemmeno i funzionari dell’aeroporto, che hanno addirittura timbrato il documento di viaggio dell’unicorno, chiamato Lily Harris.

“Non me ne sono resa conto finché non ho recuperato i passaporti per metterli via”, ha affermato la signora Harris. “C’è stato un momento di panico in cui ho pensato che qualcuno ci avrebbe inseguito, ma non è successo niente.
Il passaporto non sembrava nemmeno vero: c’è disegnato un orso d’oro davanti ed è di una dimensione completamente diversa dal mio e da quello di mio marito.
“L’uomo ha anche chiesto ad Emily quanti anni avesse, e lei ha risposto ‘nove’, prima di timbrarlo”.

Nel passaporto non c’era nemmeno la foto della bambina ma dell’unicorno, che “non era nemmeno in vacanza con noi”, ha aggiunto la signora Harris.

Bimba di 9 anni passa la dogana con il passaporto di un unicorno (3) Bimba di 9 anni passa la dogana con il passaporto di un unicorno (1) Bimba di 9 anni passa la dogana con il passaporto di un unicorno (2)

Mucca Unicorno

La mucca Unicorno

Una mucca con un corno sulla fronte è diventato un attrazione turistica in una fottoria locale a Baoding a nord della Cina.

Mucca Unicorno

La sua allevatrice, la signora Jia Kebing, spiega di essersi accorta che sulla fronte della sua mucca stava crescendo un terzo corno lungo e dritto, quando ancora l’animale era giovane.

Con il passare degli anni poi, il corno è cresciuto in modo impressionante diventando lungo più di 20 centimetri e facendo guadagnare alla mucca l’appellativo di mucca unicorno!

Jia racconta: “La mia fattoria è famosa in tutta la regione grazie alla mucca e le persone vengono da tutto il mondo per vederla, anche a pagamento.”