Sfama i maiali con la marijuana per produrre carne più saporita

Quando nella città di Washington è stata approvata una legge che legalizza l’uso della marijuana non solo per scopi medici William von Schneidau, un macellaio del posto, ha avuto un’idea: dare da mangiare marijuana ai suoi maiali, in modo da far insaporire di più la loro carne.

Alimenta i maiali con la marijuana

Il macellaio ha voluto fare un vero e proprio esperimento culinario approfittando della nuova legge, provando a nutrire i suoi maiali con l’intera pianta di marijuana, compresa di gambi e semi.
Ha dichiarato che le piante aggiungono fibre alla dieta dei maiali, che successivamente rendono la carne deliziosa.

Mangiare la carne di questi maiali non avrà alcun effetto su chi la consuma, a differenza però dei maiali stessi che riescono ad elaborare il THC (il maggior principio attivo della cannabis), in quanto hanno come noi i recettori cannabinoidi.

Niente scuola, causa "bel tempo"

Niente scuola per un giorno, causa “bel tempo”

All’inizio della settimana il preside della scuola cristinana di Bellingham, Washington (USA), ha mandato una lettera ai genitori in cui li informava che nella giornata di giovedì o venerdì le lezioni sarebbero state sospese.
Niente scuola, causa "bel tempo" Il motivo? Erano previste alcune bellissime giornate di sole.

Bob Samson, il preside, ha voluto promuovere la cultura della scuola positiva, ritenendo che avrebbe fatto bene agli studenti godersi la giornata di sole che si preannunciava rinunciando ad un giorno di scuola, in modo che potessero divertirsi.

“Solitamente sospendiamo le lezioni per il brutto tempo, quindi perché non divertirsi e chiudere la scuola a causa di un clima favoloso?”, ha detto Samson.

Durante quest’anno scolastico la scuola non ha mai chiuso a causa di neve, quindi ne hanno approfittato per “incoraggiare gli studenti ad uscire e giocare“, come scritto nella lettera da Samson.
“Ci sono tante cose difficili nel mondo ed è bello festeggiare, rilassarsi e condividere la gioia con gli altri“.

La scuola è stata tenuta aperta ugualmente per garantire l’assistenza dei bambini nel caso in cui i genitori avessero avuto problemi nel tenerli a casa.

Sconto al ristorante per "bambini beneducati" (1)

Sconto al ristorante per “bambini beneducati”

Una famiglia di 5 persone, dopo aver mangiato in un ristorante italiano di Washington, ha ricevuto uno sconto di $4 nello scontrino per “bambini beneducati”.

Sconto al ristorante per "bambini beneducati" (1) I camerieri del piccolo ristorante italiano Sogno di Vino, a Poulsbo, si erano già complimentati con Laura King e la sua famiglia dicendo di essere molto impressi dalle buone maniere dei bambini di due, tre e otto anni, offrendogli un’enorme tazza di gelato da condividere. Ma si sono spinti oltre.

Quando abbiamo ricevuto il conto, lo scontrino mostrava uno sconto per “bambini beneducati”. Una piacevole sorpresa dopo un incantevole pasto”, ha scritto la signora King nel suo blog.

“Sappiamo che i dipendenti dei ristoranti non sono sempre entusiasti di servire famiglie con bambini. Avendo lavorato io stessa in qualche ristorante prima di avere figli so bene come può essere servire famiglie numerose”.

La signora King è stata così contenta del gesto del ristorante che ha postato la foto dello scontrino nella sua pagina Facebook; un amico, successivamente, l’ha condivisa su Reddit.

Sconto al ristorante per "bambini beneducati"

Il proprietario del ristorante Rob Scott ha affermato che i camerieri hanno la facoltà di offrire sconti ai clienti. Ha detto anche che non era la prima volta che dei bambini beneducati venissero ricompensati ma non era mai successo che concedessero addirittura uno sconto sul conto.

Venduta a 5000 dollari la pepita di pollo che somiglia al presidente Washington

Nuggets a forma di George WashingtonRebekah Speights e suo marito avevano messo all’asta su eBay il mese scorso questo pezzo unico. Un Nuggets, come quelli che trovate da Mc Donalds vagamente somigliante al primo presidente degli Stati Uniti, George Washington.

Un pezzo unico che in poco più di un mese ha raggiunto il valore impensabile di 5000 dollari, offerti da uno sconosciuto per accaparrarsi il pezzo di pollo congelato.

L’asta online ha raccolto più di 70 offerte

La pepita di pollo risale a circa 3 anni fa ed è stata notata per la prima volta dalla signora Speights.

“Stavo per mangiare quella pepita, quando l’ho osservata per bene e ho notato una cosa divertentissima, ho iniziato a ridere, l’ho osservata meglio e sì, non c’erano dubbi, sembrava proprio il volto di George Washington. Ho deciso così di portarlo a casa e di conservarlo nel congelatore” – dichiara la donna.

L’obiettivo della coppia ora è quello di raccimolare 15mila dollari per poter fare una donazione al Family Worship Center a Sioux City nello Iowa.

Dal centro caritativo intanto è stata diramata una nota in cui si commenta la vicenda dicendo: “Dio a volte ci assiste in modi che neanche lontanamente possiamo immaginare”