Microspia

Comunicano per 11 anni tramite bigliettini per paura di essere spiati

MicrospiaE’ quello che hanno fatto i membri di una famiglia Egiziana per ben 11 anni dopo che il proprietario di casa trovò nascosta all’interno della sua abitazione una cimice (microfono spia).

A quanto si è appreso il microfono spia era stato installato dalla ex moglie dell’uomo. L’uomo all’epoca aveva deciso di trasferirsi in un nuovo appartamento, ma anche nella nuova a quanto pare aveva trovato oggetti per il rilevamento a distanza dell’audio.

La famiglia da allora aveva deciso di combattere le spie con il silenzio. Per circa 11 anni, i membri della famiglia all’interno della casa hanno comunicato soltanto attraverso post-it, pezzi di carta o block notes.

Il figlio più piccolo dell’uomo, di soli 6 anni, per adattarsi a questa situazione ha dovuto imparare a scrivere prima ancora che a parlare.

Dopo quasi 12 anni, stanca di scrivere per paura di essere spiati, la famiglia ha deciso di rivolgersi ad un esperto, ma solo dopo la morte della donna che a loro parere aveva installato le cimici.

Qual è stato il responso dell’esperto di sicurezza?? Le cimici erano false e non hanno mai funzionato. Neanche un minuto in 11 anni.

Simone, 31 anni (ogni anno devo aggiornare questa informazione). Perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

2 thoughts on “Comunicano per 11 anni tramite bigliettini per paura di essere spiati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.