Suona la chitarra con i piedi


L’uomo in questa foto ha una bravura particolarissima, è in grado di suonare la chitarra con i piedi dato che è privo delle braccia non avendo un lavoro a causa del suo handicap si è visto costretto ad inventarsi qualcosa da poter fare per strada per poter sopravvivere e c’è da dire che la sua bravura a suonare con i piedi è maggiore di quella di molti chitarristi che suonano con le mani.Non ci credete? Guardate un pò il video e rimarrete a bocca aperta!

Il video in questione è stato girato nel 2003 al Balboa Park di San Diego e la canzone suonata è “Mary Jane’s Last Dance” di Tom Petty

Oesais parodia barese degli Oasis


Due comici fanno verso a band inglese

I fratelli Liam e Noel Gallagher hanno un corrispettivo nostrano. Si tratta degli Oesais, Gallagher nati e cresciuti a Molfetta, che con parrucche bionde e occhiali da sole, cantano rigorosamente in dialetto barese. Componenti della band: Emilio Solfrizzi, comico, cabarettista e Antonio Stornaiolo. Insieme hanno formato nel 1985 la coppia “Toti e Tata”, un modello di comicità pugliese.

Di certo i due amici di Molofetta non sgomitano per la fama come i due fratelli inglesi. Si sa che tra Noel e Liam non corre sempre buon sangue e che la situazione è peggiorata da quando Liam, frontman del gruppo, ha dichiarato che essere il leader è come essere l’uomo che segna in una partita di calcio, quello che fa il gol all’ultimo minuto, mentre Noel altro non è che il difensore. Nonstante i diverbi, la band ha comunque pubblicato una raccolta, “Stop the clocks”, contenente anche qualche inedito dopo “The masterplan” del 2000.

La “concorrenza” barese si fa però insistente. I testi del duo di Molfetta raccontano storie di quotidiana amministrazione: un brano parla della fidanzata che vuole sposarsi a tutti i costi, un altro dei due che sono turisti inglesi in vacanza a Molfetta. Ma c’è anche quello della ragazza che non si decide a consumare il rapporto di coppia e soddisfare gli appetiti sessuali del nostro Oaesis. Peccato che le canzoni siano tutte in dialetto barese e debbano dunque essere seguite da opportuna e tempestiva traduzione!

(Fonte Corriere.it)

I video:

Oeasis – Na ma spsà
Oeasis – Ianna

Turaist Inglais

Sind a me vattin