Harry, il più grande fan degli hamburger (3)

Harry Sperl, il più grande fan degli hamburger

Per il 57enne Harry Sperl (Daytona Beach, Florida) gli hamburger non sono solamente dei panini ma anche la rappresentazione della cultura popolare americana, che merita addirittura un reliquiario.

Harry, il più grande fan degli hamburger (3)

“Hanno un buon sapore, sono belli e gli hamburger sono un’icona degli Stati Uniti d’America”, ha detto Sperl, che negli ultimi 23 anni ha collezionato centinaia di gadget al suo “Burgerbilia”, il primo – e unico – museo di hamburger, situato a casa sua.

Harry, il più grande fan degli hamburger (4)Harry ha arredato la sua casa interamente a tema: ha una lampada a forma di cheesburger, un telefono e addirittura un letto con piccoli cuscini a forma di hamburger. Per non parlare dei tappeti con i disegni, un carillon, gomme, orologi, vassoi e calamite.

La sua passione è iniziata quando ha acquistato alcuni oggetti a forma di hamburger in un negozio di giocattoli; da quel momento non solo ha cominciato a collezionare oggetti per il suo Burgerbilia (che ha trovato in vari mercatini e mercati delle pulci) ma ha anche progettato uno dei suoi orgoglio più grandi: la Hamburger Harley, un triciclo a motore con le ruote a forma di cipolla e le manopole a forma di sottaceti.

Nonostante sia tedesco, Harry ama tutto dell’America: “Amo il clima, il sole, la spiaggia, l’oceano, lo stile di vita americano, il modo di vivere americano”… e il cibo, naturalmente, anche se ha ammesso di avere qualche problema di colesterolo.
In futuro spera di ingrandire il suo museo personale aprendone uno vero e proprio, in modo che tutti possano ammirare la sua unica collezione.

Harry, il più grande fan degli hamburger (1) Harry, il più grande fan degli hamburger (2) Harry, il più grande fan degli hamburger (5)

Liceo americano vieta il "twerking" al ballo scolastico

Liceo americano vieta il “twerking” al ballo scolastico

Gli studenti di una scuola superiore americana hanno firmato un contratto dove dichiarano che al ballo scolastico non potranno “twerkare” (dal termine inglese “twerk” che non ha un corrispettivo italiano ma significa scuotere il fondoschiena mentre si balla).

Liceo americano vieta il "twerking" al ballo scolastico Avrete sicuramente sentito parlare di questo termine dopo l’esibizione di Miley Cyrus agli MTV Video Music Awards di quest’anno, ed è per questo che la Annapolis High School nel Maryland ha voluto prevenire che i suoi studenti imitassero la cantante.

Il preside della Annapolis High School Susan Chittim ha detto: “Questo, purtroppo, è diventato la norma. A volte questo ballo pazzo mette a disagio altri studenti. Alcuni ragazzi si sentono esclusi a causa di questa cosa”.

Il contratto firmato dagli studenti bandisce anche il “grinding” (lo strusciare il fondoschiena di una ragazza sul pube di un ragazzo) e il “butt-bouncing” (far rimbalzare le natiche del fondoschiena).

Troppo difficile annodare una cravatta? Arriva la cravatta-zip (3)

Troppo difficile annodare una cravatta? Arriva la cravatta-zip

Un designer americano ha inventato una cravatta che farà risparmiare tempo e fatica a tutti, specie a chi ha sempre avuto qualche difficoltà ad annodarla.

Troppo difficile annodare una cravatta? Arriva la cravatta-zip (3)

L’invenzione di Josh Jakus è una cravatta con la cerniera, disponibile in grigio e in azzurro e in tre taglie, small, medium e large, al costo di $65.00.
È possibile acquistarla nel sito ufficiale.

Il signor Jakus (California, USA) ha detto: “Anche le mie altre creazioni sono fatte con cerniere e feltro e la mia azienda per un periodo ha avuto un’eccedenza di entrambi i materiali.
Stavo pensando ad un modo per sfruttare questo materiale in più e mi sono venute in mente diversi modi di creare un’idea unica.
“Ad un certo punto mi sono messo una cerniera attorno al collo ed è nata l’idea; è stato piuttosto facile capire come poteva funzionare”.

Troppo difficile annodare una cravatta? Arriva la cravatta-zip (1) Troppo difficile annodare una cravatta? Arriva la cravatta-zip (2) Troppo difficile annodare una cravatta? Arriva la cravatta-zip (5)

Jakus non spera – e non crede – che la sua invenzione sostituirà la cravatta classica ma è contento del riscontro che ha avuto da parte di chi l’ha acquistata.