Maria Audete, la donna Brasiliana 30enne che ha l’aspetto di una bimba di un anno

Maria Audete do NascimentoSi tratta di un incredibile caso di malformazione alla Benjamin Button, la donna che vedete nella foto si chiama Maria Audete do Nascimiento ed è nata il 7 Maggio 1981 in Brasile.

Maria fa parte di una famiglia povera e vive in una casa di argilla a Ceara. La sua famiglia oltre a lei è costituita dal padre e dalla sua seconda moglie, che si è occupata di Maria fin da quando aveva 13 anni.

Purtroppo le condizioni finanziarie della famiglia non hanno mai permesso che Maria venisse curata.

I medici affermano che se si fosse intervenuti alla nascita, questa condizione si sarebbe potuta curare senza problemi.

A causa della sua malattia, Maria è rimasta in tutto e per tutto una bambina e non è in grado neanche di svolgere le mansioni più elementari.

Gli esperti della facoltà di medicina dell’università di Ceara credono che Maria soffra di una grave mancanza dell’ormone tiroideo. Come conseguenza del suo ipotiroidismo, il corpo della donna non è mai stato in grado di svilupparsi sia fisicamente che mentalmente.

I medici hanno anche acconsentito a curare gratuitamente Maria, affinché la sua condizione possa migliorare e la donna possa almeno imparare a camminare e dire qualche parola.

Nel frattempo però Maria, rimarrà una piccola Peter Pan.

HIV-infected-needles

Medico brasiliano spaventa i ladri con aghi infetti sulle inferriate

HIV-infected-needles

Alcuni ingaggiano personale di sicurezza, altri si affidano alle telecamere di sorveglianza e altri ancora usano cani da guardia ma sicuramente nessuno prima d’ora aveva mai osato tanto per combattere i furti.

Un’anonima ortopedista femminile brasiliana della città di Sobradihno ha infatti deciso di tenere i ladri lontano dai suoi averi montando degli aghi infetti con HIV lungo tutto il perimetro della la casa.

Un po’ come si fa spesso per tenere lontano gli animali, il medico pensa che questo possa essere una buona soluzione contro i continui furti che la vedono coinvolta ormai da mesi.

Ad avvisare i ladri del pericolo ci pensa un cartello scritto a mano che recita: “Muro con sangue HIV, non saltare!”

Le siringhe infette sono state posizionate il 18 Agosto, ma già pochi giorni dopo, in seguito ad alcune lamentele dei suoi vicini di casa, la donna è stata costretta a toglierle e ora rischia anche che gli venga ritirata la licenza di medico per aver usato materiale contaminato prelevato dall’ospedale nel quale lavora.

Affetta da malattia rara, il giudice l’autorizza a masturbarsi al lavoro

Ana Catarina Bezerra SilvaresLa corte brasiliana ha deciso: “La signora Ana Catarina Bezerra Silvares avrà il permesso di masturbarsi anche durante l’orario lavorativo.”

La sentenza è arrivata dopo che la donna 36enne era stata portata davanti ai giudici dall’azienda nella quale lavora.

Ana da qualche anno soffre infatti di una malattia chiamata Masturbazione Compulsiva e ogni 2 ore sente il bisogno di masturbarsi per almeno 15 minuti. Quando non si masturba una sensazione di stress la coglie e il pericolo di crisi è molto alto.

Per questi motivi, riconosciuta e verificata la condizione, il giudice ha deciso che oltre ai medicinali che riducono lo stress, riducendo la sua voglia di masturbazione da 47 a ‘solo’ 18 volte al giorno, il suo datore di lavoro dovrà anche lasciare che Ana in momenti di astinenza possa liberamente masturbarsi e guardare film porno, anche durante le ore di lavoro.

Non è chiaro se la donna abbia detto al suo capo del suo problema di spontanea volontà o se sia stata colta in flagranza.

The Dog Favela - La prima favela per Cani

In Brasile arriva la nuova Favela per cani

Soama è una organizzazione Brasiliana per la tutela degli animali brasiliana che ha deciso di dare un tetto ai cani randagi e abbandonati, costruendo un intero villaggio per cani, chiamato The Dog Favela.
La Favela per cani, è situata a sud della cita di Caxias Do Sul e può ospitare fino a 1600 randagi presi dalla strada.

The Dog Favela - La prima favela per Cani

Ogni cane è legato ad una della 1.000 cucce presenti nella favela in modo tale che tutti abbiano un tetto.

La Favela, unica nel suo genere ospita 1600 cani e 200 gatti che ogni giorno vengono nutriti e curati, anche se come potete immaginare, l’impresa non è per nulla semplice.

L’iniziativa è fnanziata dal comune di Caxias Do Sul, insieme ad alcuni donatori esterni, che contribuiscono con circa 14.000 dollari mensili. La Soama però fa sapere che le donazioni non sono più sufficienti per coprire tutti i costi.
Ogni mese per dare da mangiare a tutti i cani, sono necessarie circa 13 tonnellate di cibo, senza contare il servizio veterinario.

The Dog Favela - La prima favela per CaniThe Dog Favela - La prima favela per CaniThe Dog Favela - La prima favela per CaniThe Dog Favela - La prima favela per CaniThe Dog Favela - La prima favela per Cani