Catena di negozi olandese crea la maionese alla cannabis

Una catena di negozi di patatine fritte olandese sta creando la maionese al gusto di cannabis.

Catena di negozi olandese crea la maionese alla cannabis I clienti della catena Manneken Pis potranno presto immergere le patatine in una nuova salsa, la maionese alla cannabis.

La salsa non avrà nessuno degli effetti che si hanno solitamente quando si fuma nei coffee-shop in quanto sarà prodotta senza il THC (il composto stupefacente e principio attivo della cannabis), l’ingrediente che rilassa e che può far avere allucinazioni.

Catena di negozi olandese crea la maionese alla cannabis Nel menù verrà chiaramente indicato che la maionese non contiene THC, ci tiene a precisare il proprietario della catena Albert van Beek.

“Si tratta solamente del gusto”, afferma. “Ci siamo specializzati in salse e vogliamo sempre diversificare.
Ho avuto l’idea perché sento l’odore della cannabis dal coffee-shop di fronte al mio negozio ad Amsterdam, ogni giorno”.

La salsa scelta è stata la maionese perché è la più richiesta in Olanda e in Belgio.

Uomo catena Censurato

Zhang Chianqiu – L’uomo Catena cerca aiuto per evitare l’amputazione

Uomo catena CensuratoI medici shockati stanno cercando di salvare le mani di Zhang Chianqiu, un uomo di 27 anni che per anni è stato rinchiuso all’interno di una prigione segreta incatenato talmente stretto che gli anelli delle catene sono diventati un tuttuno con le sue braccia.

Zhang era stato incatenato all’interno di un stalla nella provincia di Hunan in Cina nel 2005 dopo un’aspra discussione con uno degli ufficiali del suo paese riguardo la concessione di un prestito per costruirsi una casa.

“L’unica che in questi anni non si è dimenticata di me, è stata mia madre, che ha aspettato tutti questi anni per poter venire a liberarmi” – ha dichiarato il ragazzo.

Uomo catena CensuratoOra che è stato liberato Zhang sta cercando disperatamente aiuto per raccimolare i 1000 dollari che gli servirebbero per essere operato, nella speranza che le sue mani vengano salvate dall’infezione totale e dall’amputazione.

“Questa catene mi provocano un enorme dolore. Le mie braccia sono sempre infiammate e secernono in continuazione pus. Ma non abbiamo soldi e quindi sono costretto a chiedere aiuto a chi è più ricco di me o al buon cuore dell’ospedale e dei suoi medici affinchè possano finalmente salvarmi da questo incubo.”

[Per vedere le immagini senza censura cliccate sull’immagine stessa]