Arriva sempre in ritardo, gli viene diagnosticato un disturbo cerebrale

Arriva sempre in ritardo, gli viene diagnosticato un disturbo cerebrale

Il 57enne Jim Dunbar non è mai stato puntuale durante tutta la sua vita; gli amici e i familiari si arrabbiavano sempre, pensando che inventasse continuamente delle scuse, ma durante la ultima visita dal medico – a cui è arrivato con mezz’ora di ritardo – gli è stato diagnosticato un incurabile disturbo.

Arriva sempre in ritardo, gli viene diagnosticato un disturbo cerebrale

Jim (Forfar, Scozia) è sempre arrivato in ritardo, ovunque; a scuola, alle partite di football e persino agli appuntamenti. A causa di questo suo disturbo ha anche perso molti lavori.

Quando ha deciso di vedere un dottore, il medico gli ha prescritto una serie di esami e alcuni esperti gli hanno diagnosticato un disturbo cerebrale, chiamato sindrome da deficit di attenzione e iperattività, che non gli permette di capire quanto tempo riesce a impiegare per fare le cose.

Sfortunatamente questa sindrome è incurabile e, nonostante Jim ce la metta tutta per arrivare in orario agli appuntamenti, non ce la fa mai.
“È molto deprimente alle volte”, ha detto Dunbar, dichiarando inoltre che la sua famiglia non riesce ancora a credere che non riesca ad arrivare puntuale.

Kelly, la donna che mangia solo patatine al formaggio da 30 anni

Kelly è una giovane donna di 34anni americana protagonista del programma televisivo shock Freaky Eaters.

Tale programma in onda in america, mostra ai telespettatori i più gravi casi di disturbi alimentari del paese e cerca di combatterli e risolverli aiutando chi ne è affetto.

kelly, patate al formaggio

Kelly da quando aveva appena 4 anni, mangia tutti i giorni solo ed esclusivamente patate ricoperte al formaggio. Una pietanza che per quanto possa essere buona, la porta ogni giorno ad immagazzinare nel suo corpo 8000 calorie , per un totale di 176 grammi di grasso, 23 volte la quantità media per un americano

“La mia dieta consiste in patatine e formaggio, ogni giorno, ad ogni pasto, da circa 30 anni. Colazione, pranzo, cena. Cercare di variare e aggiungere nuove verdure e pietanze alla mia dieta è stato traumatico per me.” – dichiara la donna al programma.

Il suo disturbo è nato circa 30 anni fa, quando un giorno la madre, ordinò dal fast food delle patatine fritte ricoperte di formaggio. Da allora la piccola Kelly, pensò che non avrebbe voluto più mangiare altro e così effettivamente è stato.

“Per me è molto più di un cibo, è come se fosse crack” – conclude la donna.