Ming li

La bimba con la mano attaccata alla gamba è stata operata

I chirurghi in Cina sono riusciti a salvare la vita alla piccola Ming Li che a Luglio di quest’anno era stata investita da un trattore durante il tragitto verso la scuola.

Ming li

Immediatamente dopo l’incidente il braccio della bimba era talmente ferito che la sua mano non poteva essere riattaccata, così i medici avevano optato per una soluzione più unica che rara, le avevano attaccato la mano alla gamba in attesa che il braccio si rimettesse in sesto

Ora, dopo settimane di degenza, l’operazione definitiva, per riattaccare la mano al suo posto.

Il dottor Hou Jianxi, portavoce dell’ospedale di Zhanghou ha dichiaratato che l’operzione sulla bambina di 9 anni è perfettamente riuscita: “Quando è arrivata in ospedale subito dopo l’incidente, il suo braccio era troppo danneggiato. Ora dopo alcuni mesi, Ming è in grado di muovere nuovamente l’arto e la sua mano è di un bellissimo color rosa carne, il che prova che il sangue circola come dovrebbe.”

Nei prossimi anni la bambina dovrà affrontare altre piccole operazioni per recuperare al meglio l’utilizzo della mano e per eliminare alcune cicatrici vistose.

Ming liLa bimba con la mano attaccata alla gamba è stata operata

“Siamo fiduciosi che Ming potrà presto tornare ad utilizzare quasi tutte le funzioni della sua mano. Non sappiamo dare una percentuale giusta, ma crediamo che sarà in grado anche di guidare una macchina” – ha concluso il medico.

E’ proprio il caso di dirlo, la medicina ha fatto passi da gigante, non importa se poi i passi si fanno con i piedi o con le mani al posto dei piedi.

Diventa antipatica dopo incidente - Il giardino incriminato

“Quella caduta a scuola mi ha fatto diventare antipatica.” Ora chiede i danni

Una teenager ha intentato una causa milionaria contro la sua vecchia scuola dopo che un incidente avvenuto quando aveva 11 anni fa l’ha resa incapace di avere amici e di avere rapporti con altre persone; in poche parole l’ha resa antipatica.

Natasha Caley-Winborne aveva appena 6 anni quando battè la testa dopo essere inciampata in una zolla d’erba irregolare nel giardino della scuola elementare di St Peters ad Ardingly in Gran Bretagna.

Ora Natasha ha 17 anni e studia al college e afferma che quell’incidente le cambiò la vita rendendola violenta, scorbutica e antipatica, ma anche causandole fortissimi mal di testa e un’amnesia post traumatica.

Diventa antipatica dopo incidente - Il giardino incriminato

Tutti questi disordini hanno avuto bisogno di cure costanti per anni, per questo ora la ragazza ha fatta causa alla scuola e pretende che le vengano restituiti 100mila dollari come risarcimento per quel tracigo incidente del 1999.

La madre Jane, che ha firmato insieme alla figlia la causa, ha dichiarato: “Mia figlia soffre continuamente di mal di testa e ha improvvisi sbalzi di umore che sfociano anche nella violenza. E’ facilmente irritabile e intollerante. Tutto questo le impedisce di fare amicizia con le ragazze della sua età”

L’avvocato della ragazza intanto accusa: “Le responsabilità dell’incidente sono sicuramente del dirigente scolastico”.

Ora la corte dovrà accertare le responsabilità, per capire se era compito della scuola mantenere tutto il prato battuto o se è concesso che una zolla sia rialzata e che una bimba possa accidentalmente inciamparci sopra.

L'anguilla dopo l'operazione

Pescivendolo rischia la vita dopo che un’anguilla gli entra nel sedere

L'anguilla dopo l'operazioneUn pescivendolo proveniente dalla Cina ha rischiato di morire dopo che una delle centinaia di anguille all’interno di una vasca dove l’uomo era caduto, gli è entrata nel sedere.

Li Chang, 43 anni, se l’è cavata con gravi ferite al retto dopo che una delle tante anguille del contenitore ha cercato riparo nel suo sedere.

“Sicuramente erano spaventate, appena sono caduto nella tanica, hanno iniziato a muoversi ovunque. Alcune di loro mi hanno morso alla gamba, poi, il dramma, ne ho sentita una entrarmi nel sedere. Inizialmente non ho detto niente quando sono uscito dalla vasca. Ero troppo imbarazzato. Mi sono asciugato e ho cercato di continuare nel mio lavoro. Ma il dolore era troppo forte!

“La sentivo muoversi. Speravo che una volta in bagno sarei riuscito a farla uscire, ma no nc’è stato verso. Ero in una condizione di tremenda agonia”

Alcune ore più tardi l’uomo si è presentato all’ospedale lasciando senza parole i medici che per curarlo hanno dovuto eseguire un’operazione di più di 5 ore necessarie a sistemare tutti i tessuti interni dell’uomo danneggiati dal movimento dell’anguilla.

Un portavoce dell’ospedale ha dichiarato: “L’anguilla ha gravemente ferito il paziente. Se non fosse arrivato in ospedale sarebbe sicuramente morto.”

Per la cronaca, l’anguilla era grossa quanto due dita e lunga quanto un braccio.

Bimbo infilzato con le forbici

Si infilza con le forbici, bimbo sopravvive miracolosamente

Bimbo infilzato con le forbiciIl caso di Yuqi Lui ha sconvolto i medici cinesi che lo hanno curato, tanto da far pensare ad un miracolo dopo che il piccolo bambino ha rischiato di morire infilzandosi al volto con delle forbici.

L’impressionante incidente è avvenuto quando Yuqi, 4 anni, stava tagliando come da tradizione un nastro portafortuna insieme ai suoi familiari durante una festa nel villaggio di Erbozi, nella parte occidentale del paese.

Il bimbo, notando il padre arrivare,  ha iniziato a correre verso di lui, inciampando e infilzandosi in modo grave con le forbici, che gli sono arrivate a pochi millimetri dal cervello.

La madre Fengshuang ha dichiarato:” L’ho sentito urlare ‘papà!’ e correre via. Ho guardato alla finestra aspettandomi di vederlo, ma mentre mi voltavo l’ho sentito urlare. Ho avuto un terribile sussulto al cuore. Sono corsa verso di lui e ho visto che si era infilzato con le forbici che aveva poco prima in mano.”

Così è iniziato un disperato viaggio con un camioncino agricolo verso tutti gli ospedali più vicini alla ricerca di un medico in grado di poter curare il piccolo Yuqi.

Dopo 17 ore di viaggio finalmente i chirurghi dell’Istituto Pediatrico di Pechino hanno accettato di operare il bimbo.

Le lastre mostrano che le forbici non hanno raggiunto il cervello grazie alla resistenza che la mascella ha avuto nei confronti delle lame.

Dopo 2 settimane di ospedale Yuqi si può considerare fuori pericolo.

“Abbiamo speso tutti i nostri risparmi per effettuare questa operazione, ma ne è valsa sicuramente la pena. Abbiamo restituito a nostro figlio la luce del sole.” – conclude la madre.
Di seguito alcune foto non adatte ai più sensibili

Uomo cornuto aggredisce la padrona di casa

Uomo cornuto tenta di investire la sua padrona di casa, arrestato

Gli ufficiali di polizia sono stati chiamati ad intervenire a Tulsa, in Oklahoma dopo che in tarda serata un uomo con delle corna in testa, e non in senso metaforico, avrebbe aggredito la sua padrona di casa.

Secondo i testimoni il giovane appassionato di musica Heavy Metal ha aggredito la proprietaria della casa in cui vive utilizzando un’auto, dopo avere avuto con quest’ultima un’accesa discussione.

Per fortuna  la donna è riuscita a schivare l’auto, rendendo vano il tentativo del ragazzo di investirla.

Accortosi di quello che aveva fatto, Jesse Thornhill, questo il suo nome, è scappato per evitare di essere arrestato. Poche ore più tardi gli agenti, aiutati anche dal suo strambo aspetto, lo hanno ritrovato a arrestato, scattandogli questa foto segnaletica.

Uomo cornuto aggredisce la padrona di casa

Dopo aver passato la notte nel carcere di  Tusla Country, Jesse è stato rilasciato a seguito del pagamento di una cauzione di 10mila dollari.

Le corna, di Jesse , costituite da protesi di Teflon, sono state impiantate sul suo cranio pochi anni fa, per assomigliare ad un demone.

Oltre alle corna, il ragazzo ha moltissimi piercings su tutto il corpo e si è tatuato le sopracciglia e gran parte della pelle, utilizzando anche una particolare tecnica che lascia la pelle segnata come fosse una cicatrice.

Insomma, non la più bella persona con cui potreste avere a che fare.

Lo so che non c’è nulla di assurdo, ma una persona con un tale volto vale da sola una notizia.

Si schianta con l'auto per evitare un vampiro

Esce di strada con la sua auto: “Stavo evitando un vampiro”

La proprietaria dell’auto incidentata che vedete nella foto dichiara di essere uscita dalla carreggiata dopo aver visto un vampiro in mezzo ad una piccola strada di Western Slope, in Colorado.

La donna ha riferito al Colorado State patrol, la polizia locale americana,  di aver visto il vampiro proprio di fronte alla sua auto e afferma di aver cercato di evitarlo con il suo SUV, uscendo così fuori di strada. Per sua fortuna durante l’incidente non ha riportato lesioni.

Si schianta con l'auto per evitare un vampiro

I poliziotti dichiarano che la donna al momento dell’incidente non aveva abusato di alcool o droghe, tuttavia gli investigatori hanno verificato la visionaria non aveva preso quel giorno alcune pastiglie che le erano state prescritte dal medico.

Dai rilievi effettuati sulla strada dell’incidente, gli agenti non hanno rilevato alcune traccia del vampiro.

E non avevamo dubbi. Edward Cullen non lascia mai traccia.

Donna-si-denuda-fa-pensieri-sul-marito-e-rischia-incidente

Si denuda e fa pensieri sconci sul marito mentre guida, evitato incidente per miracolo

Sonia Markus 34 anni dal Belgio, stava guidando la sua Pegeout 205 lungo l’autostrada, quando il manto stradale bagnato l’ha fatta sbandare rischiando di coinvolgerla in un bruttissimo incidente stradale con le altre auto che sopraggiungevano.

Per pura casualità nel momento stesso dello sbandamento, una pattuglia della Polizia si trovava nei pressi ed è accorsa immediatamente per sincerarsi delle condizioni della donna.

Niente di strano, se non fosse che quando gli agenti hanno chiesto alla signora Markus di uscire dall’auto, si sono trovati di fronte ad una donna nuda dal busto in giù!

Donna-si-denuda-fa-pensieri-sul-marito-e-rischia-incidente

Evidentemente perplessi, i poliziotti hanno fatto rivestire la donna e l’hanno trasportata in questura per interrogarla sull’accaduto.

Qui Sonia avrebbe dichiarato di essere in viaggio verso una caserma di confine tra Belgio e Francia, dove si trovava il marito che non vedeva da molto tempo.

“Durante il viaggio ho iniziato ad avere pensieri sessuali su mio marito, che non vedo da molto tempo. Dopo un po’ la voglia è diventata irrefrenabile e non ho pututo più resistere.”

Appurato che il quasi-incidente è stato provocato dalla donna intenta a masturbarsi e avere pensieri sul marito, la polizia avrebbe proibito a Sonia di rimettersi in viaggio finchè non le fossero passati i bollenti spiriti, consigliandole ironicamente di farsi una doccia rinfrescante.

“La signora ha rischiato un incidente molto serio. Durante la mia carriera ho visto molte cose strane lungo le strade, solitamente episodi del genere capitano agli uomini; mai mi sarei aspettato di trovare una donna mezza nuda. L’incidente poteva essere molto grave, sia per lei che per altri automobilisti. Deve ritenersi fortunata!” – conclude il Sergente Uloin.

Condy Corton, 5 anni con uno spazzolone nel sedere

Aveva uno spazzolone nel sedere da 5 anni, donna muore durante la rimozione

Condy Corton, 5 anni con uno spazzolone nel sedereUn pezzo di plastica lungo 15 centimetri, infilzato nel sedere da 5 anni in seguito ad una caduta da ubriaca a casa di un amico nel 2005 (e ci devo anche credere?).

La notte dell’incidente Cindy Corton, 35 anni e giovane mamma di Sleaford in Gran Bretagna, si era recata al Lincoln County Hospital cercando di convincere i medici, che durante la festa le si era infilato lo spazzolone del water nel sedere in seguito ad una brutta caduta. Quella notte i medici non trovarono nulla e decisero di rimandarla a casa dopo averle somministrato un antidolorifico.

Da quel giorno Cindy, ha passato 2 anni cercando di convincere i medici di tutta Lincolnshire di avere il manico di uno spazzolone nel sedere nonostante le lastre non mostrassero alcun corpo estraneo nel suo fondoschiena.

Fino al 2007 quando una TAC mostrò finalmente l’oggetto inglobato dal grasso della donna.

Infine l’anno scorso a Giugno la tragedia, durante un operazione chirurgica al Notthingham Queen Medical Center per rimuovere lo spazzolone, la donna è morta dissanguata.

Il marito ha fatto causa allo stato, ora ai giudici spetta il compito di accertare le eventuali colpe dei medici.

Certo che certi giochi erotici potrebbero essere evitati, soprattutto se poi si spacciano per incidenti assurdi, non sempre tutto si risolve con una risata.