Dolfi, la saponetta ad ultrasuoni che manderà in pensione le vostre lavatrici

dolfi - saponetta ad ultrasuoni3

Si chiama Dolfi ed è la nuovissima frontiera del lavaggio.

A prima vista sembrerebbe una normalissima saponetta, in realtà si tratta di un concentrato di tecnologia sviluppato in Svizzera che vi permetterà in un futuro vicinissimo di dire addio alla vostra lavatrice.

Il suo funzionamento si basa sul rilascio di segnali ad ultrasuoni in grado di muovere impercettibilmente l’acqua e di attaccare con estrema accuratezza ed efficacia lo sporco per rimuoverlo.

Come per magia i vostri indumenti più delicati e complessi da lavare, verranno ripuliti da sudore, macchie e sporco in meno di mezz’ora.

Il progetto dell’innovativa saponetta è stato pubblicato quasi un anno fa sul sito di crowdfunding indiegogo e ad oggi conta quasi 1 milione di dollari di donazioni per il suo lancio sul mercato globale, oltre il 400% dell’obiettivo iniziale.

dolfi - saponetta ad ultrasuoni dolfi - saponetta ad ultrasuoni2

Il lavaggio ad ultrasuoni non è una novità assoluta, viene infatti utilizzato già da anni nella produzione industriali per rimuovere oli e grassi e in medicina per pulire gli strumenti utilizzati dai medici.

Dolfi è però il primo accessorio in grado di garantire il lavaggio di indumenti. Non fa rumore, consuma 80 volte meno di una normale lavatrice, è praticamente tascabile e costa appena 109 dollari.

Insomma, se volete preordinarne uno, potete già farlo a questo indirizzo.

 

Ricoverata all'ospedale dopo aver tentato di fare un bagno al gatto

Ricoverata all’ospedale dopo aver tentato di fare un bagno al gatto

Una donna è stata ricoverata all’ospedale dopo aver tentato di fare un bagno al suo gatto.

Ricoverata all'ospedale dopo aver tentato di fare un bagno al gatto

Lesley Pleasant (Shepton Mallet, Inghilterra) non ha mai avuto problemi nel fare il bagno al suo cane e all’altro suo gatto persiano ma ha scoperto che al nuovo arrivato Oscar l’acqua non piace proprio. Dopo aver notato che nel pelo di Oscar c’era qualche pulce ha pensato di fargli un bagno ma il gatto ha subito provato a scappare; non riuscendoci, si è aggrappato al braccio di Lesley infilzandole gli artigli nella pelle.

(altro…)