Gatto strabico abbandonato diventa la nuova star di internet

Quello che vedete è Muni, un gattino trovato per strada abbandonato a causa del suo sguardo un po’ particolare.

Il Siamese di 3 anni è infatti strabico ed stato ritrovato da Ani Hovsepian in una strada dell’Armenia.

gatto strabico

Oggi Muni vive con Ani in una casa con tutti i lussi che una gatta possa desiderare e grazie alle foto che la sua padrona ha caricato su instagram è diventata la nuova star del web, suscitando in tutti una grossa simpatia e tenerezza.

Una confessione però Ani deve farla: Muni non è un predatore tanto efficace, tanto che ha qualche difficoltà persino a trovare i suoi giochi quando ce li ha a pochi centimetri dal muso.

Se siete interessati a seguire le sue avventure, questo è il suo profilo instagram @muni.the.cat

Si tatua gli occhi

Dopo essersi tatuato quasi tutto il corpo si tatua gli occhi

Un uomo brasiliano, dopo essersi tatuato il corpo per più del 70%, ha voluto provare qualcosa di insolito tatuandosi gli occhi.

Rodrigo Fernando dos Santos, 39 anni, si è tatuato di nero la parte bianca dei suoi bulbi oculari usando uno speciale ago-siringa che inietta l’inchiostro nell’occhio in modo permanente.

Si tatua gli occhiHo pianto inchiostro per due giorni“, ha affermato Santos.
Per farsi tatuare gli occhi si è rivolto ad un suo amico e collega tatuatore, Rafael Leao Dias, pagandolo quasi $500. “Non c’è perforazione“, spiega. “Basta applicare l’inchiostro tra la congiuntiva e la sclera. Ho studiato la procedura per due anni e l’ho eseguita per la prima volta lo scorso ottobre. La legge non lo proibisce, qui o altrove”.

Non è la prima volta in assoluto che qualcuno si tatua gli occhi; il primo a tatuare i bulbi oculari è stato l’artista Russ Foxx che l’ha già fatto diverse volte, la prima circa sei anni fa.

Questo genere di tatuaggi però non è molto sicuro; per il sito BME.com ci sono potenziali pericoli, inclusa la cecità. Altri tatuatori, infatti, non vogliono prendersi la responsabilità di tatuare gli occhi, in quanto non si conoscono ancora i rischi a lungo termine causati dal tatuaggio.

Tragic veronica chiede aiuto per combattere contro le radiazioni di Cernobyl

Veronica, l’ultima vittima di Chernobyl chiede aiuto

Tragic veronica chiede aiuto per combattere contro le radiazioni  di CernobylQuesta bambina può essere considerata l’ultima in ordine cronologico tra le vittime del terribile disastro di Chernobyl avvenuto nell’Aprile del 1986.

La piccola Veronica ha 4 anni ed è stata colpita dalle radiazioni sprigionatesi dalla centrale nucleare 24 anni fa, nonostante a quell’epoca lei non fosse neanche nata.

Fu il piccolo villaggio in cui vive, Korosten, ad essere completamente investito dalle radiazioni nucleari che tutt’oggi continuano a provocare vittime e malformazioni tra gli abitanti della zona.

Veronica da circa un anno ha il viso totalmente deturpato e i suoi occhi sono talmente deformati da impedirle quasi totalmente la vista.

Il cancro che la colpisce è nato all’interno del suo nervo ottico e si è esteso poi in tutto il volto, spingendo i bulbi oculari sempre più fuori dalle orbite.

I medici che l’hanno visitata sono sicuri che se la bimba non andrà presto via dal suo villaggio, le conseguenze potrebbero portarla anche alla morte.

L’unica soluzione per continuare a sperare è quella di portare Veronica in Israele dove i medici potrebbero sottoporla ad una terapia in grado di salvarla.

La famiglia però è molto povera, guadagna meno di 120 euro al mese e per loro sarebbe impossibile raggiungere la cifra di 40mila euro richiesta dai medici israeliani.

Tragic veronica chiede aiuto per combattere contro le radiazioni  di CernobylLa mamma di Veronica, la signora Svetlana, 31 anni, afferma: “Mia figlia soffre ogni ora della sua vita, a causa della malformazione non riesce a chiudere gli occhi che sono sempre asciutti e rossi. Anche la notte è costretta a tenere gli occhi aperti e ormai non riesce neanche più a vedere”

“Quando sono sola piango in silenzio per non farmi sentire da lei. I medici dicono che ha un rara forma di cancro e che se non sarà operata non sanno se riuscirà a sopravvivere, ma noi non abbiamo abbastanza soldi per portarla in Israele.”

L’operazione in caso di riuscita, potrebbe combattere il cancro che colpisce Veronica, i medici potrebbero rimuovere la massa tumorale che si estende attorno ai suoi nervi ottici e riportare il bulbo all’interno delle orbite.

Per questo come ho già fatto con il caso della ragazza Avatar, vi chiedo un aiuto per la famiglia di Veronica, affinchè questa operazione possa essere effettuata. Se volete donare qualche euro, andate sul sito di Journalism Without Borders a questo indirizzo.

Tatuarsi gli occhi, utima moda nelle carceri americane

Arriva dall’america l’ultima moda della body modification. Si tratta di tatuaggi, ma non di tatuaggi qualunque. Si sta diffondendo in America, soprattutto tra i carcerati la moda di tatuarsi il bulbo oculare con colori intensi o accesi.

L’operazione è molto semplice, si prende una siringa, si riempie del colore che si vuole e infine si buca l’occhio iniettando l’inchiostro.

La colorazione dell’occhio si sta moderatamente diffondendo nei TatooShop, ma non tutti si recano dagli esperti dei tatuaggi, anzi, molti, soprattutto nelle carceri se li fanno da soli o a vicenda, rendendo la cosa ancora più impressionante.

I detenuti intervistati descrivono tutte le operazioni da seguire e affermano che la cosa è abbastanza dolorosa.

Uno di loro ci dice che, nonostante i suoi occhi siano rossi, la sua vista è perfetta come un volta e che non è stata assolutamente alterata dal nuovo colore del bulbo.

Un altro alla domanda “Perchè l’hai fatto?” – risponde – “La domanda è: perché non avrei dovuto?”

Gli esperti affermano che l’occhio è una parte molto resistente del nostro corpo e che i tatuaggi agli occhi hanno origine nel 19esimo secolo. Io però nonostante quello che dicono gli esperti non credo che siano proprio senza conseguenze questi trattamenti.