Donna incinta fa scegliere il nome del bimbo online per $5000 (2)

Donna incinta fa scegliere il nome del bimbo online per $5000

Aggiornamento: Sembra che la storia del concorso con in palio $5.000 sia tutta una farsa del sito web; il fondatore ha confessato di aver pagato Natalia Hill (un’attrice, a quanto pare) per pubblicizzare il sito.

____________________________________________________________

 

Una donna incinta di 26 anni di Los Angeles, California, ha vinto un concorso per far scegliere il nome del suo futuro bambino con un sondaggio online, in cambio di $5.000.

Donna incinta fa scegliere il nome del bimbo online per $5000 (2) Natasha Hill, insegnante di arte, partorirà a settembre ma ha già cominciato a pensare al nome del nascituro/a. Aveva varie idee e visto che non riusciva a decidersi ha deciso di partecipare ad una competizione organizzata da Belly Ballot, un sito che permette di rendere la scelta del nome dei futuri figli più socievole e interattiva.
Lo staff di Billy Ballot e i vari sponsor sceglieranno 10 nomi – 5 femminili e 5 maschili – e il nome più votato diventerà il nome legale del bimbo o della bimba che nascerà.
La fondatrice del sito Lacey Moler ha assicurato ai partecipanti che nelle opzioni non saranno inclusi nomi troppo strani o inusuali.

Natasha è stata scelta tra ottanta mamme e le spetteranno $5.000, che, stando a quanto ha detto, spenderà per pagare i debiti; la somma rimanente la terrà per quando il figlio o la figlia andrà al college.

“Ho pensato fosse davvero una bella idea”, ha detto Natasha. “Sono contentissima di aver vinto! L’idea di fondo di Belly Ballot è interattiva e divertente, non vedo l’ora di vedere cosa voteranno!”.
Il fidanzato della futura mamma però non è molto entusiasta; teme che i votanti sceglieranno il nome più inusuale. Natasha ha invece deciso che non controllerà i risultati prima che il sondaggio – che si svolgerà dal 18 al 22 marzo – finisca, in modo da non rimanere delusa dal risultato in caso preferisse un nome diverso da quello che verrà scelto alla fine.

Donna incinta fa scegliere il nome del bimbo online per $5000 (1)

Alcuni tradizionalisti hanno suscitato controversie, sostenendo che la scelta del nome del proprio bambino dovrebbe essere una cosa personale e non dovrebbe venire usata per cose del genere.
“Dovreste vergognarvi per averlo anche solo preso in considerazione. Cosa direte al vostro bambino quando vi chiederà come avete scelto il suo nome? Non fatelo, ve ne pentirete”, hanno scritto nel blog del sito.

Nuova assicurazione per primi appuntamenti da dimenticare

Succede più spesso di quanto possiate immaginare che una donna venga portata in luoghi assurdi al primo appuntamentouno strip club, una prigione, una fabbrica di bare, una rete fognaria… e molti altri posti improbabili.

Nuova assicurazione contro i primi appuntamenti da dimenticare Se dovesse mai capitarvi una cosa del genere potreste venire risarcite, in quanto è in arrivo un nuovo servizio di assicurazione per i primi appuntamenti andati male.

Come cita l’annuncio: “Appuntamento fallito? Cupido ti copre le spalle!
Se l’appuntamento è stato un disastro, richiedi i soldi indietro. E spendili in qualcosa che ha più valore: te stessa!

Un sondaggio del sito inglese Confused.com – sito di assicurazioni online – ha rivelato che quelli appena citati sono solamente alcuni dei luoghi in cui le donne sono state portate durante il primo appuntamento; alcune sono state addirittura portate a conoscere la mamma del ragazzo di turno, o invitate a dei matrimoni.

Per aiutare le donne, che sono le vittime più frequenti di questi primi appuntamenti da dimenticare il prima possibile, il sito di assicurazioni online sta sperimentando uno speciale tipo di assicurazione.

Sharon Flaherty, responsabile dei contenuti di Confused.com, ha detto: “Le donne single pagano ogni anno anche £400 in più per l’assicurazione dell’auto rispetto a quelle sposate e, per cercare di ridurre i costi per fargli trovare il partner perfetto, stiamo introducendo un’assicurazione per primi appuntamenti, un modo per chiedere il risarcimento dei costi di un appuntamento disastroso“.

Mark - 5 giorni in bagno per non usare il computer

Cinque giorni al bagno per combattere la dipendenza da PC

Mark Malkoff, un comico e regista di New York City ha deciso di passare 5 giorni nel bagno di casa sua per combattere la sua dipendenza da Internet.

Come molte altre persone al mondo, soprattutto a New York, mark passa la maggiorparte delle sue giornate online, navigando e aggiornando le sue pagine di facebook e twitter. Mark ha confessato che ci sono alcuni giorni in cui starebbe al computer da quando si alza fino a quando va a dormire e che questo a volte interferisce in modo significativo con gli altri aspetti della sua vita.

Mark - 5 giorni in bagno per non usare il computer

La sua dipendenza era diventata tale che spesso durante gli appuntamenti si rifugiava nei bagni pubblici per controllare lo stato dei suoi accounts online.

Diversamente da quanto accade solitamente però, Mark ha deciso di combattere questa sua dipendenza e per farlo ha optato per un metodo alquanto bizzarro.

Il giovane comico ha passato 5 giorni rinchiuso all’interno del suo bagno, l’unico posto della casa in cui non avrebbe avuto distrazioni e tentazioni.

Sebbene la moglie pensasse fosse una pessima idea e nonostante alcuni tentennamenti dopo appena qualche ora, Mark ce l’ha fatta e si è detto soddisfattissimo del risultato raggiunto. Ora utilizza il computer molto meno di prima e fa cose che prima non riusciva a fare per colpa delle ore passate al computer.

Mark - 5 giorni in bagno per non usare il computer

Nei 5 giorni di reclusione, Mark ha mangiato e dormito nella vasca, senza mai uscire dalla stanza. Alla fine dei 5 giorni si è detto soddisfatto e se a voi non sembra un grande risultato, tenete presente che il suo bagno è più piccolo di una cella di Alcatraz e tutto colorato di rosa.

Se volete staccarvi anche voi da questo apparecchio, o se volete smettere di fumare, questa è una buona idea che non vi verrà a costare nulla. Provate e fatemi sapere!