Catena di negozi olandese crea la maionese alla cannabis

Una catena di negozi di patatine fritte olandese sta creando la maionese al gusto di cannabis.

Catena di negozi olandese crea la maionese alla cannabis I clienti della catena Manneken Pis potranno presto immergere le patatine in una nuova salsa, la maionese alla cannabis.

La salsa non avrà nessuno degli effetti che si hanno solitamente quando si fuma nei coffee-shop in quanto sarà prodotta senza il THC (il composto stupefacente e principio attivo della cannabis), l’ingrediente che rilassa e che può far avere allucinazioni.

Catena di negozi olandese crea la maionese alla cannabis Nel menù verrà chiaramente indicato che la maionese non contiene THC, ci tiene a precisare il proprietario della catena Albert van Beek.

“Si tratta solamente del gusto”, afferma. “Ci siamo specializzati in salse e vogliamo sempre diversificare.
Ho avuto l’idea perché sento l’odore della cannabis dal coffee-shop di fronte al mio negozio ad Amsterdam, ogni giorno”.

La salsa scelta è stata la maionese perché è la più richiesta in Olanda e in Belgio.

In Cina arrivano le patatine al pollo e Pepsi

La marca di patatine Lay’s ha deciso di lanciare un nuovo prodotto, per il momento solamente in Cina; le patatine al gusto di pollo e Pepsi Cola.

Non è la prima volta che la Lay’s mischia gusti un po’ strani (come, ad esempio, le patatine al bacon, insalata e pomodoro) ma probabilmente questa è l’accoppiata più particolare.
Nella cucina cinese però non è una novità usare la Pepsi, quindi la scelta di questi due gusti ha un senso; per questo l’azienda ha deciso di vendere il prodotto solamente in questo Paese.

Il gusto viene descritto come simile a quello del barbeque con un retrogusto zuccherato.

Kelly, la donna che mangia solo patatine al formaggio da 30 anni

Kelly è una giovane donna di 34anni americana protagonista del programma televisivo shock Freaky Eaters.

Tale programma in onda in america, mostra ai telespettatori i più gravi casi di disturbi alimentari del paese e cerca di combatterli e risolverli aiutando chi ne è affetto.

kelly, patate al formaggio

Kelly da quando aveva appena 4 anni, mangia tutti i giorni solo ed esclusivamente patate ricoperte al formaggio. Una pietanza che per quanto possa essere buona, la porta ogni giorno ad immagazzinare nel suo corpo 8000 calorie , per un totale di 176 grammi di grasso, 23 volte la quantità media per un americano

“La mia dieta consiste in patatine e formaggio, ogni giorno, ad ogni pasto, da circa 30 anni. Colazione, pranzo, cena. Cercare di variare e aggiungere nuove verdure e pietanze alla mia dieta è stato traumatico per me.” – dichiara la donna al programma.

Il suo disturbo è nato circa 30 anni fa, quando un giorno la madre, ordinò dal fast food delle patatine fritte ricoperte di formaggio. Da allora la piccola Kelly, pensò che non avrebbe voluto più mangiare altro e così effettivamente è stato.

“Per me è molto più di un cibo, è come se fosse crack” – conclude la donna.

Debbie taylor - la donna che mangia solo patatine Monster Munch

Debbie – La donna che mangia solo patatine Monster Munch da 10 anni

Debbie taylor - la donna che mangia solo patatine Monster MunchGiorno dopo giorno Debbie Taylor prepara con amore la cena per la sua famiglia, poi, non appena cominciano a mangiare, si dirige verso lo scaffale della cucina e prende la sua cena, un pacchetto di patatine Monster Munch.

Suonerà bizzarro, ma Debbie, 30 anni, da 10 anni non mangia altro che patatine , e negli ultimi due le Monster Munch al manzo hanno sostituito ogni pasto.

Gli amici e i familiari hanno provato a convincerla a seguire una dieta più varia, ma Debbie insiste sul fatto che non può mangiare nient’altro. I pasti fuori casa, le cene di Natale, le grigliate, anche il cibo che lei stessa cucina per la sua famiglia sono banditi.

Debbie prende le patatine anche quando va al ristorante, e quando il suo fidanzato Gerald Whittington, 55 anni, la portò con suo figlio Luke, 10 anni, in Spagna per una vacanza, dovette preparare valigia in più solo per le sue Monster Munch.

Debbie, cameriera di hotel a Harlow, in Essex, mangia sei piccoli pacchi al giorno o due pacchi grandi.

Dice: “So che può sembrare strano ma per me funziona. Amo le Monster Munch! Gerald e la mia famiglia hanno provato di tutto per farmi mangiare altro cibo ma sono così abituata alle patatine che ora non ci sarebbe modo di farmi mangiare una pizza o pesce e patate.”

Nonostante la sua allegra personalità, la dieta così ristretta di Debbie è probabilmente un effetto dei disordini alimentari di cui ha sofferto da giovane.