Ti sposo se 1 milione di fan su facebook lo vorrà

Ti sposerò, ma solo se 1 milione di persone su Facebook lo vorranno

Ti sposo se 1 milione di fan su facebook lo vorràKelly Coxhead, fidanzata da 10 anni con Paul Mappelthorpe 38, ha deciso che ormai i tempi sono maturi per convolare a nozze, o forse no?

I due compagni di una vita, provengono da Swindon in Gran Bretagna e hanno indetto una sorta di scommessa con il popolo di Facebook dichiarando che si sposeranno solo se 1 milione di utenti lo vorrà.

La coppia ha anche deciso la data perfetta per il loro matrimonio sarebbe l’11/11/11, termine ultimo entro il quale raggiungere il numero di fan necessario.

La pagina di facebook si chiama “‘I Need 1 Million People To Join For Paul To Marry Me C’mon Guys Help Me Lol” e attualmente conta poco più di 40000 iscritti. (sarà colpa del ‘lol’ finale? Chi lo sa!).

La disperata futura sposa in realtà vorrebbe convolare il prima possibile a nozze, ma il marito sembra titubante, per questo è nata l’idea di far decidere la sorte del proprio matrimonio a facebook.

Secondo i piani dei due, arrivare a 1 milione di fan non doveva essere assolutamente difficile.

“Nel mondo ci sono quasi 7 miliardi di persone, raggiungere 1 milione è meno dello 0,1% di questa cifra, non dovrebbe essere difficile raggiungerla.” – ha dichiarato Paul.

Riusciranno i nostri eroi a sposarsi? Pensate che neanche il padre di lei ha ancora aderito all’iniziativa.

Paul e Vilma Cassidy – Il matromonio più sfortunato della storia

Paul e Vilma - Gli sposi più sfortunati di sempreIl matrimonio è un passo importante nella vita di una coppia e chiunque si appresti ad affrontarlo vorrebbe che il giorno in questione possa essere un giorno speciale, che valga la pena ricordare per sempre.

Probabilmente è quello che faranno i due neo sposi Paul Cassidy e Vilma Welton, ma di certo  i loro ricordi non saranno piacevoli.

I due sposi sono stati protagonisti recentemente di quello che può essere definito il più sfortunato matrimonio della storia.

Le disavventure sono iniziate durante la cerimonia in chiesa, quando uno dei paggi della coppia di soli 16 mesi è improvvisamente diventato pallido, collassando esanime davanti a tutti i presenti.

Trasportato immediatamente il bambino in ospedale, la cerimonia sembrava essere tornata alla tranquillità, quando la madre 76enne di Paul è svenuta durante le foto di rito davanti all’altare con gli sposi.

Neanche il tempo di accompagnare il piccolo all’ospedale, che i paramedici intervenuti pochi minuti prima sono dovuti tornare nella chiesa per trasportare anche l’anziana donna al pronto soccorso.

Paul e Vilma - Gli sposi più sfortunati di sempre

Come se non bastasse, a destabilizzare il clima di festa è giunto anche un messaggio ad una delle invitate in cui veniva avvisata della morte del padre.

Per la coppia però era inevitabile continuare la festa come se nulla fosse e come previsto, dopo la cerimonia alla Chiesa St mery di Melton Mowbray in Gran Bretagna, tutti gli invitati, sfortuna compresa, si sono recati al fastoso ricevimento organizzato da Paul e Vilma.

Anche qui la tregua è durata ben poco, non appena giunti al banchetto, il figlio della coppia si è ferito alla testa dopo che un recipiente di vetro gli è caduto addosso, seguito poche ore più tardi dalla sorella più grande, anch’essa colpita in testa.

Per fortuna il matrimonio nel tardo pomeriggio si è concluso e lo sposo è potuto andare in ospedale a sincerarsi delle condizioni di salute della madre.

Ah no scusate, non ci è potuto andare, ciliegina sulla torta, la sua auto era rimasta chiusa all’interno del parcheggio dove l’aveva lasciata.

Nonostante l’immensa sfortuna, i due neo-sposi mostrano ancora il loro sorriso e raccontano scherzosamente la loro avventura ai giornalisti: “Ci siamo tolti un peso quando la giornata è terminata. Abbiamo pensato ‘Cos’altro sarebbe potuto andare storto?’, credo che sia stato uno dei più sfortunati matrimoni della storia.” – racconta Paul, 50 anni.

Mentre Vilma confessa: “La giornata è stata per metà un incubo e per metà fantastica. Me lo sentivo che qualcosa sarebbe successo ma non pensavo potesse essere una giornata così disastrosa.”

Davvero jellati, quasi peggio del famigerato Frane Selak, l’uomo più sfortunato del mondo.

(altro…)

Autoritratto di Paul Lung

Paul Lung e i suoi ritratti fatti con la matita

Bellissime fotografie in bianco e nero, non sembra anche a voi? Riuscireste a credere che questi disegni sono fatti tutti completamente con una matita?

Autoritratto di Paul Lung

Paul Lung, 38 anni di Hong Kong ha bisogno solo di unamatita da 0.5 mm e di un foglio A2 per realizzare alcuni dei più incredibili ritratti a mano. La sua passione per il disegno è iniziata fin dalla prima volta che una matita gli è stata messa in mano. Ogni giorno fin da quando era bambino, Paul disegna 3-4 ore al giorno, anche dopo una stancante giornata al lavoro.

Come i più grandi artisti della storia, Paul impiega anche 60 ore di preparazione per ogni suo ritratto e incredibilmente non utilizza mai la gomma.

A volte neanche i suoi amici riescono a credere che i ritratti siano creazioni sue e non di una macchina fotografica, alcuni di loro hanno preteso di vederlo all’opera per convincersi delle sue capacità.

E come dar loro torto, in alcuni ritratti è praticamente impossibile riconoscere il tratto della matita.

Paul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matita

Paul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matitaPaul Lung e i suoi ritratti con la matita