Shemicka Mcvey

Non mi mostri il profilo Facebook? E io ti accoltello

Shemicka McveyAd Indianapolis a quanto pare funziona così, una ragazza 21enne è stata arrestata dopo aver accoltellato il suo ragazzo durante una rissa nata per colpa di Internet.

Secondo le prime indiscrezioni la giovane Shemica McVey avrebbe deciso di accoltellare il fidanzato Maurice Davenport, 22 anni, perché quest’ultimo non le permetteva di guardare il suo profilo facebook.

Secondo la ragazza si è trattato solo di autodifesa dopo che Maurice le aveva tirato un pugno in faccia per tenerla lontana dallo schermo del computer.

Nessuno dei due protagonisti è stato arrestato, ma sicuramente i due ora avranno qualcosa da raccontare sulla loro pagina di Facebook.

Ah, buone notizie, secondo quanto raccontato dalla ragazza, Maurice sarebbe riuscito a spegnere il computer prima che lei potesse vedere la sua pagina!

Aiutante di Babbo natale picchiato per aver cantato troppo forte

Aiutante di babbo natale preso a Pugni perché cantava troppo forte!Glen MacDonald, 72 anni, che ha aiutato Babbo Natale per più di 25 anni a consegnare regali, è stato lasciato a terra con un grave trauma alla cassa toracica in seguito ad un’aggressione ricevuta.

Il signor McDonald si trovava al Tunbridge Wells Lions Club in Inghilterra con Babbo Natale e altri aiutanti, quando un uomo si è avvicinato a loro intimando al gruppo di smetterla di cantare.

Lo stesso uomo ha poi preso di mira il signor Glen dicendogli che stave cantando troppo forte.

Il signor MacDonald ha detto: “Quell’uomo si è avvicinato minaccioso, imprecando e urlandoci di stare zitti e smetterla di cantare canti di natale perché a dir suo stavamo facendo troppo casino. Poi mi ha tirato un pugno sul petto e sono crollato per terra”.

Il pensionato che soffre di problemi al cuore, è stato portato di urgenza all’ospedale più vicino dove gli è stato diagnosticato un arresto cardiaco.

“Gli altri aiutanti sono corsi immediatamente ad aiutarmi, per allontanare l’uomo, anche se Babbo Natale era un po’  limitato nei movimenti a causa del suo vestito ingombrante”. – ha proseguito l’anziano.

“Non mi aspettavo di essere colpito in quel modo, per compiere un gesto del genere, quell’uomo doveva essere completamente ubriaco. Ho subito un’operazione all’aorta 2 anni fa e ho rischiato davvero la vita con quel pugno, non mi era capitato mai nulla del genere in 25 anni che faccio questo lavoro”

Intanto la polizia ha aperto un inchiesta ma a quanto pare il colpevole non è ancora stato identificato.