Studente rimane incastrato in una vagina gigante di pietra

Uno studente americano in scambio in Germania è stato soccorso dopo essere rimasto incastrato dentro una vagina gigante di pietra.

Studente incastrato in una vagina gigante

Lo studente sembra abbia scalato la scultura in marmo, situata a Tubinga in Germania, per una scommessa, ma per qualche assurda ragione è rimasto incastrato. Ci sono voluti cinque veicoli di emergenza e ben 22 vigili del fuoco per tirarlo fuori dalla vagina di pietra, anche se qualcuno ha fatto in tempo a scattare qualche foto e pubblicarla sul web.

Il ragazzo, le cui gambe erano rimaste incastrate nella parte inferiore della scultura, dopo essere stato liberato ha detto di essere molto imbarazzato per quanto accaduto.

Studente incastrato in una vagina gigante Studente incastrato in una vagina gigante

La scultura, Pi-Chacan (che significa fare l’amore in peruviano/indiano), è di un artista peruviano di nome Fernando De La Jara ed è situata da 13 anni all’Istituto di Microbiologia di Tubinga.

Mette una scultura di un dito medio davanti la finestra della ex

Compra la casa accanto a quella della ex moglie e mette una scultura di un dito medio davanti la sua finestra

Alan Markovitz, il proprietario di uno strip club di fama a Detroit, ha recentemente acquistato una gigante scultura raffigurante una mano che fa il dito medio nella sua casa di Orchard Lake… dedicata ai vicini di casa, ovvero la ex moglie e il suo nuovo compagno, con cui aveva iniziato una relazione quando ancora era sposata con l’impresario.

Mette una scultura di un dito medio davanti la finestra della ex

Secondo i media, il 59enne avrebbe comprato la casa accanto a quella della ex moglie – dicendo fosse solo una coincidenza – e speso $7,000 per la scultura di 3 metri e mezzo posizionata proprio davanti una delle finestre della ex moglie, che viene anche illuminata la sera, giusto per non fargliela mai dimenticare.

“Non provo più niente per lei. È per lui”, ha detto Markovitz.

Fulmine colpisce una statua: rimane solo il seno (4)

Fulmine colpisce una statua: rimane solo il seno

Lo scalpellino Tom Finlay (48 anni, Territorio del Nord, Australia) era ad appena 50 metri di distanza dalla sua statua quando, lo scorso venerdì, un fulmine l’ha colpita distruggendola completamente dai fianchi in su. A rimanere intatta è stata solamente una cosa: il seno.

Fulmine colpisce una statua: rimane solo il seno (4)

La scultura era una riproduzione della Venere di Milo (senza testa) intagliata completamente a mano, fatta di porcelanite locale, alta un metro e mezzo e posizionata su una colonna rinforzata in acciaio; è un tributo che Finlay ha fatto per le donne della sua terra, circa 10 anni fa, nonché la sua prima scultura umana.
Il seno, che pesa circa 30kg, è riuscito a rimanere intatto (tranne un capezzolo) nonostante il fulmine e la caduta.

Fulmine colpisce una statua: rimane solo il seno (2) Fulmine colpisce una statua: rimane solo il seno (1) Resto della statua colpita dal fulmine Foto della scultura prima che venisse colpita Fulmine colpisce una statua: rimane solo il seno (6)

Finlay non ha ancora deciso cosa farne dei resti; ha affermato che potrebbe fissare e appendere il seno nel suo ufficio.