Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (1)

Jar Bar, l’unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro

In Ucraina, a Kiev, ha aperto lo Jar Bar, l’unico locale al mondo dove ogni pietanza del menù viene servita in barattoli di vetro.

Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (1)

Allo Jar Bar non ci sono bottiglie, bicchieri, ciotole o tazze di alcun tipo, tant’è che all’ingresso – per far capire il concetto del locale ai clienti – c’è addirittura un cartello in cui c’è scritto che sono vietate.

Non è l’unico al mondo a usare barattoli di vetro al posto dei piatti ma è l’unico ad aver adottato un approccio totalmente radicale, servendo tutto nei barattoli, disponibili in varie dimensioni; dalla zuppa al gelato, dal caffè ai drink. Questo tipo di “piatto” è comodo anche per chi vuole ordinare e poi mangiare e bere a casa; basta chiudere i barattoli con gli appositi coperchi e portarli a casa.
I barattoli, allo Jar Bar, sono usati addirittura come decorazioni; i lampadari sono fatti con grandi barattoli di vetro e negli scaffali ci sono tantissimi barattoli con sottaceti.

Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (2) Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (4) Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (5)

Il proprietario del ristorante Maksym Khramov e l’esperto di marketing Anton Biletsky stanno già pensando di aprire altri Jar Bar nella capitale ucraina ed eventualmente espanderlo a livello nazionale in franchising.

Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (3) Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (6) Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (7) Jar Bar, l'unico locale al mondo che serve tutto in barattoli di vetro (8)

Uomo muore per allacciarsi le scarpe

Muore mentre si allaccia le scarpeUn uomo affetto da sindrome di down è morto a Vienna mentre cercava di allacciarsi le scarpe.

Il 42enne avrebbe perso l’equilibrio dopo essersi inchinato per far il nodo alla scarpa e sarebbe caduto sopra una porta di vetro.

Il fratello, anch’egli affetto da sindrome di down e coinquilino della vittima a Leopoldstadt, avrebbe chiamato immediatamente i soccorsi senza però riuscire a salvargli la vita.

La vittima è morta dissanguata dopo essersi gravemente ferita con i vetri della porta.

Se dovete allacciarvi le scarpe anche voi, mi raccomando, lontani ai vetri!

Wang xianjun, il cinese che ha ingoiato 1500 lampadine

Wang Xianjun, 54 anni, cinese della provincia di Sichuan ha avuto un idea brillante, gli si è accesa la lampadina, come si dice in gergo, e ha iniziato a mangiare bulbi di lampadine.

L’uomo che reputa le lampadine croccanti e deliziose, ricorda di avere iniziato a mangiarle quando per sbaglio una volta ingoiò una lisca di pesce intera senza che gli accadesse nulla.

Da allora l’uomo ha provato ad ingoiare pezzi di vetro rotto accorgendosi che questi non creavano alcun danno alla sua gola.

Oggi l’uomo può vantare di aver ingurgitato più di 1500 bulbi di lampadina.

“Non li mangio tutti i giorni, ma mi capita spesso.” – dichiara – ” Mangio bulbi solo durante la colazione e mai più di uno al giorno.”

Quando l’uomo mangia le lampadine, prima le rompe e poi le ingoia pezzo per pezzo aiutandosi con un bicchiere d’acqua.

La famiglia di Wang dichiara che per tenerlo sotto controlo lo ha portato all’ospedale per effettuare un check-up, ma a quanto pare mangiare vetro all’uomo non crea alcun effetto collaterale; parola di medico.